Entries Tagged as 'convegno'

Santa Caterina da Siena e la sua eredità

CONFERENCE: Virgo digna coeli. Caterina e la sua eredità, Convegno Internazionale in occasione del 550° Anniversario della canonizzazione di Santa Caterina da Siena (1461-2011), Roma – Siena, 27-29 ottobre 2011.

Programma

Giovedì, 27 ottobre 2011
Roma, Complesso di S. Maria sopra Minerva (piazza della Minerva 42)
Ore 9,00 – Saluti delle Autorità
Prima sessione: Santità, mistica e profezia
Gabriella Zarri (Università degli Studi di Firenze), Prolusione; Agostino Paravicini Bagliani (Presidente della Società Internazionale per lo studio del Medioevo Latino – PCSS), Caterina e il Papato; Sofia Boesch (Università degli Studi di Roma Tre – Centro Europeo di Studi Agiografici, CESA), Caterina da Siena nella storiografia; Francesco Santi (Università degli Studi di Cassino – Fondazione Ezio Franceschini, FEF Firenze), Caterina e il rinnovamento della teologia; Alessandra Bartolomei Romagnoli (Pontificia Università Gregoriana), La discussione sulle stimmate; Elena Brizio (The Medici Archivi Project, Firenze), La legge e le donne. Santa Caterina e la società del Trecento italiano

Seconda sessione: Il processo di canonizzazione
Ore 15,00 – Giulia Barone (Università di Roma, “La Sapienza”), Modelli di santità femminile nei processi di canonizzazione fra Trecento e Quattrocento; Silvia Nocentini (Fondazione Ezio Franceschini, Firenze), La Legenda maior di Raimondo da Capua: una eredità condivisa; Luciano Cinelli, O.P. (Direttore di “Memorie Domenicane”, Firenze), Il Processo Castellano: Caterina nello specchio dei frati Predicatori; Massimiliano Bassetti (Università di Verona), Il Processo Castellano: studio prosopografico; Concetta Bianca ed Emilio Montanari (Università degli Studi di Firenze), Pio II e l’Ufficio liturgico di santa Caterina

Venerdì, 28 ottobre 2011
Roma, Complesso di S. Maria sopra Minerva
Terza sessione: Caterina nella stagione delle Osservanze
Ore 9,00 – Paolo Nardi (Università degli Studi di Siena – PCSS), Caterina e Siena; Mario Sensi (Pontificia Università Lateranense – PCSS), Caterina e gli eremiti dell’Italia centrale; Carlo Delcorno (Alma Mater Studiorum – Università di Bologna), La memoria di Caterina nei sermoni dell’Ordine dei Predicatori

Quarta sessione: La memoria di Caterina in età moderna e contemporanea
Ore 15,00 – Gianni Festa, O.P. (Facoltà Teologica dell’Emilia Romagna, Bologna), Il modello cateriniano nelle leggende agiografiche femminili domenicane; Fausto Arici O.P. (Facoltà Teologica dell’Emilia Romagna, Bologna), Ambrogio Catarino, teologo e agiografo; Alessio Assonitis (“Memorie Domenicane”, Firenze), L’eredità cateriniana nel movimento savonaroliano. Il caso di San Silvestro al Quirinale; Elisabetto Lurgo (Université de Genève), Caterina nella mistica del ‘500 e del ‘600; Anna Scattigno (Università degli Studi di Firenze), Caterina e la tradizione letteraria dell’epistolario femminile

Sabato, 29 ottobre 2011
Siena, Archivio di Stato (via Banchi di Sotto, 52)
Ore 11,00 – Inaugurazione della Mostra documentaria Caterina da Siena e il Processo di Canonizzazione
Saluti delle Autorità: ; S.E.R. Mons. Antonio Buoncristiani, Arcivescovo di Siena, Colle Val d’Elsa, Montalcino; M.R. fra Bruno Cadoré, O.P., Maestro dell’Ordine dei Frati Predicatori; Rev.mo P. Bernard Ardura, Presidente del Pontificio Comitato di Scienze Storiche; Dott. Franco Cecuzzi, Sindaco di Siena; Prof. Paolo Nardi, Priore Generale dell’Associazione Internazionale dei Caterinati

Tavola rotonda animata dalla Dott.ssa Carla Zarrilli, Direttrice Archivio di Stato di Siena; Partecipano: Prof. Franco Cardini, Università degli Studi di Firenze; e P. Dr. Luciano Cinelli O.P., Direttore di “Memorie Domenicane”

Siena, Convento di S. Domenico (Sala del Capitolo)
Quinta sessione: Caterina nell’arte
Ore 15,00 – Diega Giunta (Presidente del Centro Internazionale di Studi Cateriniani, Roma), Iconografia cateriniana: committenza e aree di diffusione, tipologia; Raffaele Argenziano (Università degli Studi di Siena), Suor Domenica da Paradiso: l’eredità figurativa cateriniana nell’iconografia di una mistica di primo Cinquecento; Martine Boiteux (EHESS, Paris-Rome), L’immagine di Caterina nell’iconografia moderna; Vitaliano Tiberia (Presidente della Pontificia Insigne Accademia di Belle Arti e Lettere dei Virtuosi al Pantheon), La basilica di Santa Maria sopra Minerva e la tomba di Santa Caterina; Anna Benvenuti (Università degli Studi di Firenze), Conclusioni.

Clicca qui per saperne di più

Convegno su Francesco Malaguzzi Valeri

CONFERENCE: Francesco Malaguzzi Valeri (1867-1928). Tra storiografia artistica, museo e tutela, convegno di studi: Bologna e Milano, 19-21 ottobre 2011. Contatto: luca.ciancabilla@unibo.it

Francesco Malaguzzi Valeri è stato, tra la fine dell’Ottocento e il primo quarto del Novecento, uno dei protagonisti nello studio, la tutela e la salvaguardia del patrimonio artistico italiano della Nuova Italia. Attivo, dapprima, presso l’Archivio di Stato di Milano e nella Pinacoteca di Brera, si trasferì successivamente a Bologna, dove diresse la Regia Pinacoteca e dove fu Soprintendente alle Gallerie di Bologna e della Romagna. Nei molteplici interventi e saggi storiografici, ha contribuito a ricostruire le vicende di svariati artisti lombardi ed emiliani rinascimentali e dell’età barocca: dall’architettura alla pittura; dalla scultura alla miniatura, al disegno; ha rivisitato, inoltre, diversi settori delle arti “industriali”; ha esplorato la storia del collezionismo; ha avviato importanti azioni di catalogazione e schedatura di opere sul territorio; si è infine dedicato al riallestimento museografico. Le sue ricerche, sulla linea dei più insigni storici dell’arte italiani a lui contemporanei, fra cui Adolfo Venturi, Corrado Ricci e Guido Cagnola, si sono caratterizzate per il rigore filologico, sostenuto da una strenua ricerca archivistico-documentaria; con originali aperture, sulla linea del filone di studi proprio della cultura tedesca, ad una storia dell’arte scientifica, intesa come storia della cultura.

Programma

Mercoledì, 19 ottobre 2011
Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore (Aula via Nirone 15)
Il contributo di Francesco Malaguzzi Valeri alla Storia del rinascimento artistico lombardo
ore 9, 30 – Introduce e presiede Gianni Carlo Sciolla
Interventi: Alessandro Rovetta, “Rassegna d’Arte” come cantiere per “La corte di Ludovico il Moro”; Pietro C. Marani, Malaguzzi Valeri e Leonardo; Richard Schofield, Malaguzzi Valeri e Bramante; Marco Rossi, Malaguzzi Valeri e i pittori lombardi del Quattrocento; Jessica Gritti, L’architettura alla corte di Lodovico il Moro; Maria Grazia Albertini Ottolenghi, Gli studi di Malaguzzi Valeri sulla scultura lombarda; Paola Venturelli, Malaguzzi Valeri e l’oreficeria sforzesca; Laura Aldovini, «Per ravvivar croci e calici, tabernacoli e paci»: Malaguzzi Valeri e i nielli lombardi al tempo di Ludovico il Moro

Milano, Pinacoteca di Brera (Sala della Passione, Via Brera 28)
ore 15,30 – Introduce e presiede Sandrina Bandera
Interventi: Francesca Tasso, Malaguzzi Valeri, le arti applicate e le raccolte del Museo Municipale; Simone Ferrari, Malaguzzi Valeri e l’incisione nell’età di Ludovico il Moro; Federico Pecchenini, Moda e decorazione tessile ne “La corte di Ludovico il Moro”; Cristina Giannini; Attilio Steffanoni conoscitore e antiquario. Un diario inedito

Malaguzzi Valeri: la Pinacoteca di Brera e il territorio
Interventi: Sandra Sicoli, L’Ispettore Malaguzzi Valeri alla Pinacoteca di Brera: un decennio di attività (1903-1914); Letizia Lodi, Francesco Malaguzzi Valeri e Luca Beltrami nella storia della tutela lombarda; Amalia Pacia, Malaguzzi Valeri e il territorio lombardo; Giampaolo Angelini, Malaguzzi Valeri in Valtellina e Alto Lario; Simonetta Coppa, Malaguzzi Valeri in Valle Intelvi

Giovedì, 20 ottobre
Bologna, Pinacoteca Nazionale (Aula Cesare Gnudi, Via delle Belle Arti 56)
ore 9,30 – Introduce Luigi Ficacci; Presiede Vera Fortunati
Interventi: Gianni Carlo Sciolla, Tra Kunstwissenschafte Kunstgeschichte als Kulturgeschichte: Francesco Malaguzzi Valeri, le ricerche storico artistiche e l’impegno per la tutela e la conservazione in Italia e in Europa tra 1890 e 1920

Francesco Malaguzzi Valeri: la formazione e la prima attività tra Reggio Emilia e Bologna
Interventi: Elena Corradini, Francesco Malaguzzi Valeri: le ricerche storico-artistiche a Reggio Emilia; Carla Bernardini, Le radici bolognesi di Malaguzzi Valeri fra cultura del patrimonio e ricerca storica; Lorena Cerasi, Malaguzzi Valeri archivista a Bologna; Massimo Medica, Malaguzzi Valeri e i primi studi sulla miniatura bolognese; Anna Maria Matteucci, Malaguzzi Valeri e lo stile di transizione nell’architettura bolognese; Valeria Rubbi, Malaguzzi Valeri: un carteggio inedito con Bernard Berenson; Mark Gregory D’Apuzzo, Malaguzzi Valeri e la scultura rinascimentale a Bologna; Cecilia Cavalca, Pale d’altare, cornici. Francesco Malaguzzi Valeri e il Rinascimento a Bologna: una nota

Malaguzzi Valeri: il rientro a Bologna tra storiografia e impegno museale
ore 15.00 – Presiede Massimo Medica:
Interventi: Gian Piero Cammarota, Malaguzzi Valeri, Direttore e Soprinten- dente; Marinella Pigozzi, Malaguzzi Valeri e Igino Benvenuto Supino: foto per la ricerca e la didattica; Paolo Giuliani, Storia di una restituzione. Il fondo fotografico Malaguzzi Valeri; Donatella Biagi Maino, Malaguzzi Valeri, le due anime del Settecento e il congresso mondiale di filosofia a Bologna; Silvia Battistini, Malaguzzi Valeri e il Museo Davia Bargellini; Luca Ciancabilla, Bologna “Mecca” degli antiquari. “L’affaire” Malaguzzi Valeri

Venerdì, 21 ottobre
Bologna, Museo Civico Medievale (Sala del Lapidario, Via Manzoni 4)
Erudizione e storia della cultura nelle ricerche storico artistiche in alcune regioni italiane tra Ottocento e Novecento
ore 9.00 – Presiede Daniele Benati
Interventi: Fabrizio Fantino e Laura Gallo, Da Francesco Gamba a Lorenzo Rovere. La situazione degli studi storico-artistici in Piemonte tra Otto e Novecento; Franco Bernabei,  Introduzione agli studi di storia dell’arte nel Veneto tra Otto e Novecento; Marta Nezzo, Ambientazione della storia come regia di una memoria identitaria: la Kulturgeschichte di Pompeo Molmenti; Giuliana Tomasella, Per una nuova fruizione del patrimonio artistico padovano: l’azione di Andrea Moschetti; Emanuele Pellegrini, Le opere e le fonti: la Toscana tra medioevi e rinascenze; Cecilia Prete, Le Marche ai tempi di Malaguzzi Valeri: da Anselmo Anselmi a Luigi Serra; Cristina Galassi, Un episodio umbro di Kulturgeschichte: “Le arti e le lettere alla corte dei Trinci” (1888) di Michele Faloci Pulignani; Rosanna Cioffi, Introduzione agli studi di storia dell’arte in Campania tra Otto e Novecento; Nadia Barrella, Storia delle arti, delle industrie, del Regno: Benedetto Croce e le proposte di musealizzazione del Palazzo Reale di Napoli nei primi decenni del XX secolo; Almerinda di Benedetto, Salvatore di Giacomo e “L’Italia artistica”; Simonetta La Barbera, Dall’erudizione alla storia dell’arte. Preliminari alla situazione siciliana (1890-1920); Carmelo Bajamonte, Temi di storiografia artistica in Sicilia negli anni di Malaguzzi Valeri; Roberta Cinà, «Tutto Egli raccoglieva e accoglieva nel museo…». Aspetti dell’attività di Antonino Salinas
Saluto di Andrea Emiliani.

Nel pomeriggio sarà data la possibilità ai partecipanti al convegno di visitare le seguenti esposizioni:
- ore 15.00, Museo Davia Bargellini, Strada Maggiore 44
Francesco Malaguzzi Valeri. Il Museo Davia Bargellini e il suo creatore, a cura di Silvia Battistini e Massimo Medica
- ore 16.15, Collezioni Comunali d’Arte, piazza Maggiore 6
Tra Corrado Ricci e Francesco Malaguzzi Valeri: pagine da “Emporium” e dalla Divina Commedia, a cura di Carla Bernardini e Lorena Cerasi.

Libri allo specchio (convegno)

GIORNATA DI STUDIO: Libri allo specchio. Riflessioni e proposte sull’editoria facsimilare oggi, Modena, Accademia di Scienze, Lettere ed Arti, e Biblioteca Estense Universitaria, 24 settembre 2011.

Editori, bibliotecari, collezionisti, esperti di facsimili si confronteranno tra loro in un convegno nazionale organizzato dall’Accademia di Scienze, Lettere ed Arti di Modena e dalla Biblioteca Estense Universitaria, che si terrà in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio. Nel corso del convegno si potrà discutere in modo concreto di regole, sistemi di riproduzione, conservazione, tutela e valorizzazione del patrimonio attraverso la lente di questo particolare genere editoriale.

Programma

I Sessione: Accademia di Scienze, Lettere ed Arti
9.30 – Apertura dei lavori: Ferdinando Taddei (Presidente Accademia di Scienze, Lettere e Arti di Modena)
Saluti: Giorgio Pighi (Sindaco di Modena), Maurizio Fallace (Direttore generale per le biblioteche), Carla Di Francesco (Direttore regionale per i beni culturali Emilia-Romagna)

10.00 – Presiede: Emilio Montessori (Accademia Nazionale di Scienze, Lettere e Arti di Modena)
Relatori: Ernesto Milano (Accademia Nazionale di Scienze, Lettere e Arti di Modena), L’editoria facsimilare. Standard e stato dell’arte; Manuele Moleiro Rodriguez (Moleiro Editor), Difficoltà nella commercializzazione internazionale; Gabriella Critelli (Biblioteca Apostolica Vaticana), La Biblioteca Vaticana e i facsimili; Gianfranco Malafarina (Rivista “Alumina”), L’avvento del facsimile. Appunti per la storia di un genere editoriale; Elio Tavilla (Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia), Studi storico-giuridici e riproduzioni facsimilari; Giuseppa Zanichelli (Università degli Studi di Salerno), Gli antenati dei facsimili; Giovanni Spagnuolo (Collezionista), Bibliofilo o collezionista si nasce o si diventa? Roberto Parenti (Associazione Specchio sull’arte), Il libro d’arte e il facsimile, ovvero il museo diventa biblioteca

II Sessione. Biblioteca Estense Universitaria
15.00 – Tavola rotonda fra addetti ai lavori su problemi sviluppi e prospettive dell’editoria facsimilare
Coordina e presiede: Luca Bellingeri (Biblioteca Estense Universitaria)
Partecipano: Marco Malagoli (Art Codex), Mauro Bini (Il Bulino edizioni d’arte), Barbara Bertoni (Imago Editore), Lucia Panini (Franco Cosimo Panini Editore), Giovanna Lazzi (Biblioteca Riccardiana) e Massimo Menna (Istituto Centrale per il Catalogo Unico)

Convegno di Storia della miniatura (Padova)

CONVEGNO – Libri miniati per la chiesa, per la città, per la corte in Europa: lavori in corso, Padova, Palazzo del Bo (Archivio Antico, via VIII Febbraio 2) e Museo Diocesano di Padova (Palazzo Vescovile, Piazza Duomo 12), 2-4 dicembre 2010.

Programma:

Giovedì 2 dicembre 2010, Palazzo del Bo, Archivio antico
9.15 – Saluti delle autorità; Presiede e introduce Giordana Mariani Canova
10.00 – Lilian Armstrong, Liturgical Manuscripts Illuminated by Benedetto Bordon: Examples from Collections outside of Italy; Marco Rossi, Il Libro di preghiere dell’arcivescovo di Milano Arnolfo II (998-1018); Fabrizio Crivello, Osservazioni intorno a due miniature manfrediane poco note; Rebecca Corrie, The Conradin Bible and Other Projects: Manuscript Illuminators at Work between Naples and Rome; Silvia Maddalo, I libri per i pontefici tra secolo XIII e secolo XV. Discontinuità nella tradizione; Massimo Medica, Il Maestro delle Iniziali di Bruxelles, ovvero Giovanni di fra’ Silvestro: un miniatore per la Confraternita di Santa Maria della Morte; Susy Marcon, Un riesame della miniatura del primo Trecento a San Marco; Gaia Elisabetta Unfer Verre, Problemi di miniatura romana nell’età della Riforma: l’Evangeliario Piana 3.210 di Cesena.

14.30 – Presiede Giulia Orofino
Arianna Vena, Un frammento di bibbia atlantica nell’Archivio di Stato di Potenza; Eva Ponzi, L’Exultet di Velletri. Un percorso iconografico; Fabio Bossetto, Una Bibbia ‘crociata’ alla Biblioteca Capitolare di Padova; Andrea Improta, Codici miniati dalla Biblioteca di San Domenico Maggiore di Napoli: prime indagini; Laura Alidori, Libri miniati per i domenicani in Toscana e circolazione di manoscritti; Marta Minazzato, I graduali trecenteschi della cattedrale di Padova; Emanuela Elba, Miniatura in Terra d’Otranto tra XIV e XV secolo: l’Eucologio Vat. Borg. Gr. 7; Salvatore Sansone, Le Mura di fuoco nel Dante urbinate e la tradizione manoscritta della Commedia; Sonia Chiodo, Un manoscritto inedito di primo Trecento: il corale H dell’Archivio Capitolare di Arezzo; Angela Dillon, Nuove proposte per Martino da Modena; Josephina Planas, Benedicto XIII y el escritorio papal instalado en Peñíscola: nuevas reflexiones; Francesca Manzari, La ripresa della miniatura a Roma durante lo Scisma. Copisti, calligrafi e miniatori attivi per Bonifacio IX; Gino Castiglioni, Libri d’ore e offici veronesi dell’età tardogotica.
18.40 – Assemblea generale della Società: I convocazione.

Venerdì 3 dicembre, Museo diocesano, Sala del Collegio Sacro
9.00 – Saluti delle autorità; Presiede Giusi Zanichelli
9.15 – Giordana Mariani Canova, Il catalogo dei miniati della Capitolare e la miniatura a Padova nel Rinascimento; Susan L’Engle, Produced in Padua? Three Manuscripts of the Roman de Troie; Paola Guerrini, I diagrammi medioevali e la conservazione del sapere; Xenia Muratova, I cicli di miniature del Bestiario d’amore di Richard de Fournival; Maria Alessandra Bilotta, Libri giuridici miniati nelle città della Francia meridionale tra XIII e XIV secolo: alcuni esemplari recentemente ritrovati; Lorenza Novello, L’illustrazione dell’Entrée d’Espagne della Biblioteca Marciana di Venezia: la prima fase; Laura Gnaccolini, Girolamo da Cremona e l’alchimia; Silvia Fumian, Una nuova proposta per il miniatore del Filocolo Gonzaga (Oxford, Bodleian Library, ms. Can. It. 85); Leonardo Granata, Il catalogo dei manoscritti datati della Biblioteca Capitolare di Padova; Gianluca del Monaco, “Pasture da pigliare occhi per aver la mente”. L’Illustratore a Bologna tra libri di legge e chiose dantesche: problemi aperti e sviluppi recenti della ricerca.

14.00 – Visita alla mostra dei codici della Biblioteca Capitolare (guidata da Andrea Nante e Federica Toniolo).

15.20 – Palazzo del Bo, Archivio antico; Presiede Francesca Flores D’Arcais
Lorena Dal Poz, Cataloghi aperti in rete: il progetto veneto Nuova Biblioteca Manoscritta; Bente Klange Addabbo, Un testo di Fibonacci, manoscritto trecentesco della Biblioteca Comunale degli Intronati di Siena; Ana Domínguez Rodríguez, La miniatura de Alfonso X el Sabio: un arte de corte; Francesca Masi, Su alcuni codici miniati a Firenze per Enea Silvio Piccolomini; Ada Labriola, Un manoscritto ritrovato: la Vita di Esopo miniata per Piero di Lorenzo de’ Medici; Laura Nuvoloni, “Posuit vestigia princeps”: appunti sugli anni formativi di Bartolomeo Sanvito a Padova; Ulrike Bauer-Eberhardt, La medicina in un manoscritto miniato a Napoli per Domenico della Rovere; Adriana Di Domenico, Un codice della Biblioteca Nazionale di Firenze proveniente dal monastero di S. Maria degli Angeli e un ciclo perduto del Carpaccio; Hans Joachim Eberhardt, Una primizia di Liberale a Siena.
21.00 – Assemblea generale della Società: II convocazione.

Sabato 4 dicembre 2010, Palazzo del Bo, Archivio antico
9.00 – Presiede Alessandra Perriccioli
Antonio Iacobini, Dalla corte di Costantino VII alla corte di Napoleone: il progetto per un’edizione neoclassica del Rotulo di Giosuè; Grazia Maria Fachechi, Giallo come oro, giallo versus oro: usi e significati di un colore ambiguo e polisemico nei manoscritti del Medioevo; Teresa D’Urso e Pierluigi Mulas, Novità da Chantilly; Lyle Humphrey, Le miniature di Martino da Modena nella Mariegola dei merciai di Venezia: una testimonianza della presenza dei lucchesi a Venezia nel tardo Quattrocento; Elena De Laurentiis, La collezione di Italian illuminated cuttings della British Library: novità e precisazioni; Caterina Virdis Limentani, Il libro d’ore detto di Maria Stuarda della Biblioteca Classense di Ravenna. Alcune riflessioni e una trouvaille; Lucinia Speciale, Un cartulario illustrato romano d’inizio Seicento; Tavola rotonda e conclusione dei lavori.

Per ulteriori informazioni rivolgersi all’Università degli Studi di Padova, Piazza Capitaniato 7, 35139 Padova,  Tel. 049 8274673, Fax 049 8274670.

Medioevo: i committenti (convegno)

XIII Convegno internazionale di studi – Medieovo: i committenti, Parma, 21-26 settembre 2010. Segreteria del Convegno: Comune di Parma, tel. 0521-218868; e-mail: csm-aisame@comune.parma.it.

Martedì 21 settembre, Università degli Studi di Parma (Aula Magna, Via Università 12):

9.30, Inizio dei lavori, intervengono: Prof. Gino FERRETTI (Rettore Università degli studi di Parma), Prof. Roberto GRECI (Preside Facoltà di Lettere e Filosofia), Prof. Andrea ZANLARI (Presidente Camera di Commercio di Parma), Prof. Carlo GABBI (Presidente Fondazione Cariparma), Prof. Cesare AZZALI (Direttore Unione Parmense degli Industriali), Dott. Luca SOMMI (Assessore alla Cultura del Comune di Parma) e Prof. Arturo Carlo QUINTAVALLE (Presidente AISAME).

10.00, Presiede: Francesco GANDOLFO (Università degli studi di Roma, Tor Vergata):
Arturo Carlo QUINTAVALLE (Presidente AISAME), Committenti, racconto, eresia nel XII secolo in Occidente; Xavier BARRAL I ALTET (Université de Rennes II Haute Bretagne), Committenza al femminile: scelte iconografiche, scelte artistiche (X-XIV sec.); Grazia Marina FALLA (Università del Salento, Lecce), Giustiniano e le sette chiese dell’Apocalisse; Antonella BALLARDINI (Università degli studi Roma Tre), Un oratorio per la Theotokos: Giovanni VII committente a San Pietro; John MITCHELL (School of World Art Studies and Museology, University of East Anglia, Norwich), Chi è il boss? Trame di committenza a San Vincenzo al Volturno nel nono secolo fra realtà e fantasia; Discussione.

15.20, Presiede: Antonio IACOBINI (Università degli studi di Roma, La Sapienza):
Jean Pierre CAILLET (Université Paris X, Nanterre), La committenza di codici suntuari nei tempi carolingi: tra manifesto d’autorità, restringimento di rapporti e fondazione di memoria; Maria ANDALORO (Università degli studi della Tuscia, Viterbo), Committenti dichiarati e committenti senza volto; Giulia OROFINO (Università degli studi di Cassino), Del Desiderio di avere libri: manoscritti e committenti a Montecassino, XI secolo; Maria Raffaella MENNA (Università degli studi della Tuscia, Viterbo), La committenza di un fondatore: il re David IV di Georgia (1089-1125); Giovanna VALENZANO (Università degli studi di Padova), Donne dimenticate: casi emblematici di committenza artistica nel Medioevo veneto; Discussione.

Mercoledì 22 settembre, Camera di Commercio (Sala Aurea Via Verdi 2)

9.20, Presiede: Xavier BARRAL I ALTET (Université de Rennes II Haute Bretagne):
Francesco GANDOLFO (Università degli studi di Roma, Tor Vergata), Ritratti di committenti nella Sicilia normanna; Carlo TOSCO (Politecnico di Torino), La committenza dei laici nella prima età romanica; Roberto GRECI (Università degli studi di Parma), Iniziative edilizie e poteri signorili nell’Italia centro-settentrionale dei secoli X e XI; Gabriele ARCHETTI (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano), “Dilexi decorem domus tuae”. Committenza aristocratica e committenza popolare; Massimo MIGLIO (Università degli studi della Tuscia, Viterbo), Committenza, autobiografia, autografia; Discussione.

14.50, Presiede: Jean Pierre CAILLET (Université Paris X, Nanterre):
Nicolas REVEYRON (Université Lumière, Lyon 2), Le corps du commanditaire: Hugues de Semur et Cluny III; Manuel Antonio CASTIÑEIRAS GONZÀLES (Universitat Autònoma de Barcelona), Diego Gelmìrez, un committente viaggiatore: dalla “Porta Francigena” all’altare maggiore della Cattedrale di Santiago; Quitterie CAZES e Daniel CAZES (Université París 1 Panthéon-Sorbonne; Musée Saint-Raymond, musée des Antiques de Toulouse e della basilique Saint-Sernin, Toulouse), Les choix des commanditaires successifs de Saint-Sernin de Toulouse; Barbara FRANZÉ (Université de Lausanne), Art et réforme grégorienne en Anjou: la participation des laïcs à la construction ecclésiale; Jean WIRTH (Université de Genève), Nouvelles remarques sur la chronologie des églises romanes auvergnates; Discussione.

Giovedì 23 settembre, Camera di Commercio (Sala Aurea, Via Verdi 2)

9.20, Presiede: Marina RIGHETTI (Università degli studi di Roma, La Sapienza):
Roberto CORONEO (Università degli studi di Cagliari), Famiglie committenti dell’aristocrazia giudicale in Sardegna nel XII secolo; Andrea PALA (Università degli studi di Cagliari), Il documento di donazione della chiesa di San Nicola di Trullas (Semestene); Marco ROSSI (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano), Committenze episcopali milanesi nella cultura figurativa tra X e XI secolo: esempi, ipotesi, problemi; Jordi CAMPS i SORIA (Àrea d’Art Romànic, MNAC, Barcelona), Tarragona, Barcellona e la chiesa del castello di Camarasa. Committenti e artisti nella Catalogna di fine del XII secolo; Anna Maria D’ACHILLE (Università degli studi di Roma, La Sapienza), Cavalieri a terra. Qualche osservazione su due singolari casi di committenza romana tra XII e XIII secolo; Fulvio CERVINI (Università degli studi di Firenze), Lame benedette. Qualche riflessione per studiare le armi e i loro committenti; Discussione.

14.50, Presiede: Julian GARDNER (The University of Warwick):
Mario D’ONOFRIO (Università degli studi di Roma, La Sapienza), Il patronato artistico dei Papi a Roma nel Medioevo: prospettive di studio e spunti di riflessione; Manuela GIANANDREA (Università degli studi di Roma, La Sapienza), Un’inedita committenza romana; Livia BEVILACQUA (Università degli studi di Roma, La Sapienza), Committenza aristocratica a Bisanzio in età macedone: Leone protospatario e la Panagia di Skripou (873-874); Giulia BORDI (Università degli studi della Tuscia, Viterbo), Committenza laica nella chiesa di San Adriano al Foro romano nell’Altomedioevo; Francesca STROPPA (Università degli studi di Parma), L’attività dei cluniacensi nella diocesi bresciana: programmazione e identità; Stefania BABBONI (Università degli studi di Parma), San Savino a Piacenza e la cripta sepolta; Tancredi BELLA (Università degli studi di Catania), «J’ai la nostalgie de St. Ambroise». Fernand de Dartein e la basilica ambrosiana a Milano: da un’indagine su commissione ad una personale passione critica; Discussione.

Venerdì 24 settembre, Camera di Commercio (Sala Aurea, Via Verdi 2)

9.20, Presiede: Manuel Antonio CASTIÑEIRAS GONZÀLES (Universitat Autònoma de Barcelona):
Julian GARDNER (The University of Warwick), Un campanile et due campane: due mecenati curiali nella Roma tardoduecentesca; Francesco ACETO (Università degli studi di Napoli Federico II), La committenza nobiliare in età angioina a Napoli: il caso di Bartolomeo di Capua; Vinni LUCHERINI (Università degli studi di Napoli Federico II), Le contraddizioni della committenza angioina a Napoli: il rifiuto di Saint-Denis e la volontà dinastica meridionale; Rosa ALCOY (Universitat Autònoma de Barcelona, Velos y desvelos), Alcuni modelli di presenza e assenza del donatore nella Catalogna gotica; Pere BESERAN (Universitat Autònoma de Barcelona), Le quattro tombe di re Giacomo I; Joan MOLINA FIGUERAS (Universitat de Girona), Il factotum della cattedrale. Arnau de Montrodon e la nuova sede gotica di Gerona (1313-1348); Discussione.

14.50, Presiede: Mario D’ONOFRIO (Università degli studi di Roma, La Sapienza):
Michele BACCI (Università degli studi di Siena), Pratiche votive e ritratti di donatori nel Medioevo: prospettive comparative; Silvia MADDALO (Università degli studi della Tuscia, Viterbo), L’officina libraria medievale: storie di protagonisti e comprimari; Alessandra PERRICCIOLI (Seconda Università degli studi di Napoli), Riflessi delle crociate sulla committenza di alcuni manoscritti miniati nel XIII secolo fra Francia e Italia; Xenia MURATOVA (Université de Rennes II – Haute Bretagne), Chi era il committente del Bestiario ms. 1511 della Biblioteca Bodleiana di Oxford? Federica TONIOLO (Università degli studi di Padova), Frati, maestri e libri miniati a Padova tra XIV e XV secolo; Discussione.

Sabato 25 settembre, Camera di Commercio (Sala Aurea, Via Verdi 2)

8.50, Presiede: Francesco ACETO (Università degli studi di Napoli Federico II):
Giuseppe BASILE (Istituto centrale del Restauro, Roma), Documentazione e memoria del restauro della Basilica di Assisi; Antonino CALECA (Università degli studi di Siena), Giotto e i Cinquini, una committenza pisana; Alessio MONCIATTI e Cecilia FROSININI (Università degli studi del Molise; Opificio delle Pietre Dure, Firenze), I Peruzzi e la loro cappella in Santa Croce a Firenze: appunti in vista di una rivisitazione; Clario DI FABIO (Università degli studi di Genova), Nascita e rinascita della statuaria celebrativa laica a Genova fra Tre e Quattrocento. Opizzino, Giacomo Spinola di Luccoli e la parte di Domenico Gagini; Serena ROMANO (Université de Lausanne), Il modello visconteo: il caso di Bernabò; Discussione.

14.50, Presiede: Maria ANDALORO (Università degli studi della Tuscia, Viterbo):
Andrea DE MARCHI e Matteo MAZZALUPI (Università degli studi di Firenze; Università degli studi di Udine), Prosopografie cortesi per i da Varano, nel castello di Beldiletto; Marina RIGHETTI (Università degli studi di Roma, La Sapienza), Al di là della decadenza. Per un’indagine sulle committenze in area romana alla fine del Medioevo; Roberta CERONE (Università degli studi di Roma, La Sapienza); Abati committenti e patronato laico: il rinnovamento dei monasteri sublacensi nel XIV secolo; Maria Rosaria RINALDI (Università degli studi di Roma, La Sapienza), Al centro del potere: a proposito di alcune committenze di Bonifacio IX a Roma; Antonio IACOBINI (Università degli studi di Roma, La Sapienza), Costantinopoli e l’Italia prima della caduta: l’Omero miniato di Francesco Filelfo; Laura CAVAZZINI (Università degli studi di Messina), La cappella funebre di Ardengo Folperti in San Tommaso a Pavia; Maria Luigia FOBELLI (Università degli studi Roma Tre), La Sublime Porta, il sultano Abdülmecid I e i fratelli Fossati; Discussione.
18.15, Tavola rotonda.

Domenica 26 settembre, Hotel Stendhal (Via Bodoni 3)

9.00, Riunione AISAME (Associazione Italiana Storici dell’Arte Medievale).

Clicca qui per saperne di più sul programma

La biblioteca di Ippolito II d’Este (1509-1572)

MARIA LUISA ANGRISANI, Cultura rinascimentale di Ippolito d’Este. La “libraria”, in “Atti e memorie della Società Tiburtina di Storia e d’Arte”, vol. LXXXII, 2009, pp. 111-133.

Per un approfondimento sulla vita del cardinale vedi i recenti studi di MARY HOLLINGSWORTH, The Cardinal’s Hat. Money, Ambition and Housekeeping in a Renaissance Court, London 2004 (Profile Books); e Coins, cloacks and candlesticks: the economics of extravagance, in The Material Renaissance, edited by M. O’MALLEY and E. WELCH, Manchester – New York 2007, pp. 260-287 (Manchester University Press).

Leggi il programma del convegno su Ippolito II d’Este: cardinale, principe, mecenate (Tivoli, Villa d’Este,  13-15 maggio 2010) o visita il sito del MiBAC

Medioevo a Trieste

Medioevo a Trieste. Istituzioni, arte, società nel Trecento, “Atti del convegno: Trieste, 22-24 novembre 2007”, a cura di PAOLO CAMMAROSANO, Roma 2009 (Viella), 496 pagine, 515 illustrazioni in bianco e nero, € 45,00.

Tra i molti saggi si segnalano: PAOLO MARZ, L’organizzazione miniltare del Comune di Trieste (pp. 193-223, con riferimento agli Statuti cittadini del 1350: Archivio Diplomatico del Comune di Trieste, codice ßEE2); FRANCESCA FLORES D’ARCAIS, Il ‘Trittico di Santa Chiara’ e la pittura a tempera su tavola del Trecento a Trieste (pp. 353-377); PAOLO CASADIO, Affreschi del Trecento a Trieste (pp. 379-404); MARCO COLLARETA, L’oreficeria (pp. 405-411); ROBERTO BENEDETTI, Copisti triestini, copisti a Trieste: il caso di due manoscritti datati (pp. 413-425, in riferimento ai codici: Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana, ms. It.I.3 <4889>; e Trieste Fondazione Scaramangà, ms. E 32); ed ENRICA COZZI, Gli Statuti. La decorazione figurata (pp. 427-457).

Per conoscere l’indice completo degli interventi al convegno, leggi la scheda del libro proposta dalla Viella tra le novità editoriali.

Saluzzo fra Medioevo e Rinascimento

La cultura a Saluzzo fra Medioevo e Rinascimento. Nuove ricerche, “Atti del convegno: Saluzzo, 10-12 febbraio 2006”,  a cura di RINALDO COMBA e MARCO PICCAT, Cuneo 2008 (Società per gli studi storici, archeologici ed artistici della Provincia di Cuneo).

Indice: Vito Valsania e Raffaele Costa, Ragioni di un patrocinio (p. 5); Valerio Dell’Anna e Paolo Allemano, Un tassello che mancava (p. 6); Rinlado Comba, Un nuovo passo in avanti della ricerca sul Marchesato (p. 7). Parte 1: Fra Genealogia e storia. Robert Fajen, La conversione del marchese. Storia, finzione e autorappresentazione nel ‘Livre du Chevalier errant’ di Tommaso III di Saluzzo (pp. 11-22); Paolo Grillo, Una cronaca saluzzese inedita: Pietro di Cella e la sua «Relazione storica» (1489) (pp. 23-40); Alessandro Barbero, Gli orizzonti di un gentiluomo saluzzese del Rinascimento: il «Charneto» di Giovanni Andrea Saluzzo di Castellar (pp. 41-58). Parte 2: Libri, umanisti, lettori. Paolo Rosso, Marchesi e letterati a Saluzzo nel Quattrocento a sentant’anni dalle ricerche di Gustavo Vinay (pp. 59-106); Almerino De Angelis, La medicina a Saluzzo alla fine del Quattrocento (pp. 107-140); Giancarla Bertero, La biblioteca di Francesco Cavassa secondo l’inventario ‘post mortem’ del 1531 (pp. 141-204). Parte 3: Messaggi nella quotidianità. Giovanni Coccoluto, Sulle pietre e sui muri. Scrivere a Saluzzo e dintorni nella prima metà del Quattrocento (pp. 205-240); Marco Piccat, La ‘Passione di Revello’: conferme e nuove proposte per i «Vaticinia Sibyllarum» (pp. 241-262); Luisa Clotilde Gentile, Cerimoniali alla corte dei Saluzzo (pp. 263-292). Parte 4: Fra Tardogotico e Classicismo. Walter Canavesio, Ai margini del marchesato. Restauri a Valgrana (pp. 293-306); Massimiliano Caldera, Matteo Sanmicheli: un’interpretazione del classicismo a Saluzzo nel XVI secolo (pp. 307-328); e Giorgio Fea, Le emissioni monetali a nome di Margherita di Foix: un manifesto umanistico del culto della personalità (pp. 329-343).   

Coluccio Salutati e l’Umanesimo (convegno)

Coluccio Salutati e l’invenzione dell’Umanesimo è il titolo del convegno internazionale che si è tenuto dal 29 al 31 ottobre 2008 a Firenze: mercoledì 29 ottobre, dalle ore 11.00, nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Firenze (Piazza S. Marco, 4); giovedì 30 ottobre dalle ore 9,30 alla facoltà di Lettere (Sala Comparetti, Piazza Brunelleschi, 4); e venerdì 31 ottobre presso la Biblioteca Medicea Laurenziana (Piazza S. Lorenzo, 9) dove, alle ore 11.00, è stata inaugurata la mostra dallo stesso titolo, aperta al pubblico dal 2 novembre 2008 al 30 gennaio 2009 (vedi il post specifico sulla mostra: Coluccio Salutati e l’invenzione dell’Umanesimo). Convegno e mostra costituiscono ad oggi il primo studio organico su Coluccio Salutati, Cancelliere della Repubblica fiorentina dal 1375 al 1406. Con le due manifestazioni il “Comitato nazionale per le celebrazioni del VI centenario della morte di Coluccio Salutati” ha inteso colmare una lacuna negli studi su questa figura, alla quale non è stata mai dedicata finora alcuna iniziativa di spessore internazionale.

Sono intervenuti: Concetta Bianca, Sebastiano Gentile, David Speranzi, Violetta De Angelis, Giovanni Fiesoli, Rudy Abardo, Giuliano Tanturli, Gabriella Albanese, Luca Boschetto, Ezio Ornato, Carla Maria Monti, Armando Nuzzo, Elisabetta Guerrieri, James Hankins, Marc Laureys, Emilio Giazzi, Cécile Caby, Alessandro Guidotti, Teresa De Robertis e Stefano Zamponi.

In occasione del convegno sono stati presentati Il Censimento delle lettere pubbliche, a cura di ARMANDO NUZZO (Roma 2008) e gli atti del seminario Novità su Coluccio Salutati. Seminario a 600 anni dalla morte, svoltosi presso il Dipartimento di Studi sul Medioevo e il Rinascimento dell’Università degli Studi  di Firenze.

Convegno sul Patrimonio liturgico

La Biblioteca degli Uffizi (Salone Magliabechiano) ha ospitato dal 5 al 6 giugno 2008, il Convegno Internazionale dal titolo Patrimonio liturgico: arte, culto, musealizzazione, a cura di ANNA ROSA CALDERONI MASETTI, LETIZIA CASELLI, CLARICE INNOCENTI e GHERHARD WOLF. Il convegno è frutto di una collaborazione tra l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, l’Università degli Studi di Genova, il Patrimonio di Oreficeria Adriatica e il Kunsthistorisches Institut in Florenz.

Per ulteriori informazioni rivolgersi a Manuela De Giorgi (DeGiorgi@khi.fi.it) e Maja Häderli (haederli@khi.fi.it)

Gli ‘Angeli musicanti’ di Valencia a Roma

L’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo (Piazza dell’Orologio, 4 – Roma; telefono:   06-6880207  ; fax 06-68195963) ha organizzato dal 17 dicembre 2007 – 26 gennaio 2008, con il patrocinio della Generalitat Valenciana e dell’Institut Valencià de Conservació i restauració de bens culturals, la mostra Gli Angeli musicanti di Valencia a Roma.

Il 22 giugno 2004, durante i lavori di restauro della cappella maggiore della Cattedrale di València, attraverso un fessura, apparvero le figure meravigliose di affreschi quattrocenteschi fino ad allora coperti da una struttura barocca realizzata alla fine del Seicento. Degli affreschi si era persa memoria, ma essi erano stati commissionati nel 1472, per la somma eccezionale di 3000 ducati, dal Capitolo della cattedrale e dal cardinale Rodrigo Borgia, il futuro pontefice Alessandro VI allora legato pontificio in Spagna, a due pittori italiani, Francesco Pagano e Paolo da San Leocadio, che il cardinale aveva portato con sé dall’Italia. Il loro stato di conservazione e la loro alta qualità posero subito il problema del restauro e della loro visibilità. Con un enorme sforzo tecnico e con coraggiose decisioni la volta barocca è stata smontata in modo da poter essere ricollocata in qualsiasi momento e gli affreschi quattrocenteschi sono dai primi mesi del 2007 di nuovo alla vista di tutti. È una melodia angelica di luci, di colori e di suoni che hanno trasportato in Spagna la più pura arte rinascimentale italiana. 

In occasione della mostra si è inoltre tenuto, nei giorni 24-27 gennaio 2008 presso l’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, il convegno internazionale dal titolo Rinascimento italiano e committenza valenciana: gli angeli musicanti della cattedrale di Valencia.

Per ulteriori informazioni leggi la locandina della mostra o scrivi alla segreteria dell’ISIME.