Entries Tagged as 'Publications'

La filologia classica e umanistica di Sabbadini

BOOK – Presentation of a new book on the eminent scholar: La filologia classica e umanistica di Remigio Sabbadini, a cura di Fabio Stok e Paola Tomè, Roma 2016 (Edizioni ETS). Oxford, Taylor Institution, St Giles, Room 2, Wednesday 7 June 2017, 5pm.

Roundtable with Paola Tomè, Martin Mclaughlin, Nicola Gardini (University of Oxford), Jill Kraye (Warburg Institute) and David Lines (University of Warwick).

Remigio Sabbadini (Sarego, 23 novembre 1850 – Pisa, 7 febbraio 1934) è stato il fondatore della filologia umanistica in Italia, ma anche editore di Virgilio e studioso di autori classici. I saggi contenuti in questo volume delineano la sua biografia ed esaminano alcuni dei suoi contributi filologici e letterari. Paola Tomé, Domenico Losappio e Roberto Norbedo ricostruiscono la sua carriera di docente liceale ed universitario, offrendo uno sguardo inedito sulla storia dell’Italia unitaria fra Ottocento e Novecento.

Aspetti specifici della sua eredità culturale sono esplorati da Lucia Gualdo Rosa e Matteo Venier. Sabbadini fu anche autore di composizioni poetiche, proposte ed analizzate nel volume da Giovanni Salviati. Gli altri saggi sono dedicati a capitoli specifici della sua attività di studioso: il saggio sull’umanista Antonio Mancinelli (Mariangela Giudice), la storia del ciceronianismo (Martin McLaughlin), l’Umanesimo fiorentino (Paolo Viti), gli studi serviani di Guarino Veronese (Giuseppe Ramires), l’edizione di Virgilio (Fabio Stok). Lo stile delle “briciole umanistiche” di Sabbadini è riproposto dal saggio di Manlio Pastore Stocchi.

Read more

The Master of the Donato Commission

Armstrong

ARTICLE: Lilian Armstrong, The Master of the Donato Commission: Four Choirbooks, in Bollettino d’Arte, s. VII, C, 2015, fasc. 28, pp. 35-60.

The article argues that a heretofore unpublished choirbook known as the Durant Gradual (Wellesley College Library, MS 2), was illuminated by the Master of the Donato Commission and another master in the 1430s in Venice or the Veneto. The Durant Gradual contains the Temporale chants for the entire year, and the author has discovered that its counterpart Sanctorale, with evidence of the same provenance, is in the British Library (Add. MS 18161).

The two choirbooks may have been commissioned by the Benedictine nuns of San Zaccaria in Venice. They are closely related to a previously published two–volume Gradual, illuminated by the well–known miniaturist, Cristoforo Cortese (act. 1390s–c.1445), in collaboration with the Master of the Donato Commission in Venice probably slightly later in the 1430s (Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana, MS Lat. III, 18 [=2283, 2284]).

It has also been possible to reconstruct a fragmented Antiphonary illuminated by the Master of the Donato Commission (Oxford, Bodleian Library, MS Douce a.1 and London, British Library, Add. MS 22310). Collectively, these commissions greatly expand the oeuvre of the Master of the Donato Commission, proving him to be a significantly more important contemporary of Cristoforo Cortese than has previously been recognized.

Read more

Les livres des maîtres de Sorbonne

Nebbiai

BOOK: Les livres des maîtres de Sorbonne. Histoire et rayonnement du collège et de ses bibliothèques du XIIIe siècle à la Renaissance, Sous la direction de Claire ANGOTTI, Gilbert FOURNIER et Donatella NEBBIAI, Paris 2017 (Publications de la Sorbonne, Histoire ancienne et médiévale, 145), 376 pages, € 30,00.

Le collège de Sorbonne a été créé en 1257 à Paris sous les auspices des pouvoirs royaux et pontificaux. Parmi les collèges séculiers, il innove en se dotant de bâtiments et de revenus réguliers et en accentuant sa vocation intellectuelle, dont la bibliothèque est le dispositif principal.

Elle renferme plus de 1 000 volumes à la fin du XIIIe siècle et est organisée en deux dépôts, l’un destiné à la consultation sur place, l’autre au prêt, pour répondre aux besoins des sociétaires, des étudiants et des maîtres.

Cet ouvrage s’attache à étudier les livres du collège, de leur acquisition par les maîtres jusqu’à leur entrée dans l’établissement. Il analyse leur circulation au sein des divers dépôts et leurs usages par les sorbonistes ou par des lecteurs étrangers. Il éclaire les relations du collège avec son environnement institutionnel et social, et l’influence culturelle exercée par la bibliothèque du Moyen Âge à la Renaissance.

Deux instrumenta complètent cette publication : un guide codicologique sur les manuscrits du collège et une bibliographie exhaustive des travaux portant sur sa bibliothèque. Mobilisant plusieurs disciplines (histoire, littérature, sociologie et philosophie), ce livre offre les premiers jalons d’une histoire renouvelée des bibliothèques universitaires.

Gabriele Finaldi and José de Ribera

Ribera

BOOK: José de Ribera, Dibujos. Catalogue raisonné, edited by Gabriele Finaldi, in Spanish (also available in English), 432 pages, € 47,50.

This book is the first complete catalogue raisonné of the drawings of Jusepe de Ribera (Játiva, Valencia, 1591 – Naples, 1652). A follower of Caravaggio, he trained in Rome and subsequently became a painter to the viceregal court in Naples. Ribera’s drawing played a central role in his art. This catalogue raisonné reveals his impressive technical skills, equally evident in his use of pen and ink, red chalk or brush and wash, while emphasising the remarkable range of the subjects he depicted.

The main text by Gabriele Finaldi explores specific themes within Ribera’s activity as a draughtsman, from his sources, signatures and the most prominent collectors of his drawings to his preparatory studies and the variety of his subject matter. This text is followed by entries on the 157 surviving drawings considered autograph, 5 sheets attributed to Ribera and 31 rejected attributions by the artist now in museums, institutions and private collections around the world.

In conjunction with the publication of this catalogue raisonné, the Museo del Prado in Madrid and the Meadows Museum, SMU, in Dallas have co-organised two monographic exhibitions: Ribera: Master of Drawing and Between Heaven and Hell: The Drawings of Jusepe de Ribera. They include already-known drawings by the artist and other recently attributed sheets, in addition to paintings and prints, with the aim of illustrating the importance of drawing within Ribera’s oeuvre and its independent status.

This catalogue raisonné has been edited by Gabriele Finaldi, Director of the National Gallery in London. Together with him, the book has been written by Elena Cenalmor, Curatorial Assistant to the Deputy Director for Conservation and Research at the Museo del Prado, and Edward Payne, Senior Curator of Spanish Art at Auckland Castle (County Durham).

Read more

Printed Books of Hours from XVth Cent. Italy

BOOK: Cristina Dondi, Printed Books of Hours from Fifteenth-Century Italy. The Texts, the Books, and the Survival of a Long-Lasting Genre, Firenze 2016 (Leo S. Olschki Editore), xlviii-706 pp. con 88 tavv. f.t. a colori, € 95,00.

The book offers an in-depth examination of the production, distribution, and use, from the late fifteenth century to the present, of the 74 editions of Books of Hours printed in Italy in the fifteenth century, 198 copies of which have survived. They are today in 82 libraries in 16 countries in Europe and North America. Special attention is paid to the transmission of the texts in print, the definition of a stemma editionum, the cycle of illustrations, and the identification of buyers and users, including the question of the price of these first printed copies in comparison to that of contemporary manuscript copies.

Viewing this genre from the middle ages to the nineteenth century, the study also makes ample use of documentary and historical-bibliographical sources to contextualize and understand its success over the long term and the rapid superseding of incunabula with successive newer editions. Furthermore, it probes the place of Books of Hours within the first printed provision of liturgical books, the circulation of the Roman Use, the dissemination of the Venetian calendar in Italy and beyond, and looks also at the changes inspired by the Council of Trent. The book includes a complete transcription of all the calendars and 88 plates in colour.

L’arte nella Bibbia

Bibbie

BOOK: Scot McKendrick e Kathleen Doyle, L’arte nella Bibbia. Manoscritti miniati del Medioevo, Torino 2016 (Einaudi), pp. 336, € 95,00.

I manoscritti miniati della Bibbia rappresentano alcuni dei piú sfarzosi e raffinati, ma anche meno noti, esempi di arte medievale giunti sino a noi. Questa pubblicazione splendidamente illustrata presenta quarantacinque tesori sapientemente selezionati che ci conducono attraverso un millennio di storia, toccando in sequenza cronologica molti dei maggiori centri del mondo cristiano. Ciascun manoscritto è uno straordinario capolavoro, qui riprodotto con dei dettagli che invitano ad ammirare l’arte dei miniatori.

Di tutte le tipologie di arte medievale, i manoscritti miniati sono probabilmente una delle meno accessibili al grande pubblico. Conservati perlopiú all’interno di biblioteche, questi volumi sono stati esibiti nel corso degli ultimi secoli in sale di lettura per specialisti e in sporadiche mostre ed esposizioni temporanee. Soltanto di recente le versioni digitalizzate sul web hanno ampliato in modo significativo l’accesso a queste opere. Eppure, di fatto, la pittura medievale di maggiore qualità artistica sopravvive nei libri piú che in qualsiasi altro mezzo espressivo.

Attraverso le splendide illustrazioni del volume si viene trasportati in un viaggio di mille anni, concentrato soprattutto nel periodo medievale, ma capace di restituire la costanza nella produzione di manoscritti miniati della Bibbia in alcune tradizioni fino all’alba dell’era moderna. Dal punto di vista geografico si attraverseranno molti dei piú importanti centri del mondo cristiano.

Partendo da Costantinopoli, a Oriente, il viaggio si sposta a Lindisfarne al nord, nella Aquisgrana imperiale, fino a Canterbury, poi nella Tours carolingia. Proseguendo, vedremo alcune delle ricchezze di Winchester, della Spagna, di Gerusalemme, della valle della Mosa, dell’Iraq settentrionale, di Parigi, Londra, Bologna, Napoli, della Bulgaria, dei Paesi Bassi, di Roma e della Persia. Un viaggio che termina a Gondar, la capitale dell’Etiopia imperiale. Ciascun libro è a suo modo un tesoro unico. Considerate collettivamente, dimostrano l’eccezio- nale varietà, inventiva e bellezza delle Bibbie miniate.

Representing the Law (Catalogue)

CATALOGUE - Representing the Law in the Most Serene Republic: Images of Authority from Renaissance Venice, Michael Widener and Christopher W. Platts, eds, New Haven (CT) 2016 (Lillian Goldman Law Library, Yale Law School).

The Venetian Republic, a prosperous and powerful state in Renaissance Europe, cultivated an image of stability and liberty. This image-making is on display in a Yale Law Library exhibition, Representing the Law in the Most Serene Republic: Images of Authority from Renaissance Venice. The exhibition draws on the outstanding collection of Italian law books in the Yale Law Library’s Rare Book Collection, along with drawings and medals from the Yale University Art Gallery and reproductions from the Beinecke Rare Book & Manuscript Library.

Learn more

Ricerche a Santa Maria Novella

mandragora

BOOK: Ricerche a Santa Maria Novella. Gli affreschi ritrovati di Bruno, Stefano e gli altri, a cura di Anna Bisceglia, Firenze 2016 (Mandragora), pp. 240 e oltre 150 illustrazioni a colori, € 45,00.

Per la prima volta sono presentate in una pubblicazione, di alto spessore scientifico ma anche di ampia divulgazione, le recenti scoperte degli antichi affreschi ricomparsi sulle pareti della navata della Basilica di Santa Maria Novella a Firenze e che appartengono alla fase più antica della storia della chiesa.

Questi straordinari ritrovamenti, che hanno stupito gli esperti del settore per la loro unicità e per la loro collocazione, sono stati possibili grazie a un programma di interventi di restauro che ha interessato tutte le pale d’altare della chiesa.

Un puntuale confronto tra quanto emerso e le fonti storiografiche ha consentito agli autori del volume di tracciare un quadro storico-artistico di riferimento in cui si intrecciano le antiche vicende del complesso domenicano e quelle di un’intera cittadina nella quale l’arte non è mai solo arte, ma è sempre strettamente connessa con la politica.

Testi di Serena Pini, Andrea De Marchi, Marco Merlo, Gaia Ravalli, Anna Padoa Rizzo, Anna Bisceglia e Simone Vettori.

Il libro miniato e il suo committente (3)

libro-miniato

BOOK: Il libro miniato e il suo committente. Per la ricostruzione delle biblioteche ecclesiastiche del Medioevo italiano (secoli XI-XIV), a cura di Teresa D’Urso, Alessandra Perriccioli Saggese, Giuseppa Z. Zanichelli, Padova 2016 (Il Poligrafo), pp. 512, € 45,00.

Nella storia della committenza libraria di età medievale il ruolo degli ordini religiosi e dei grandi ecclesiastici rappresenta uno dei temi più rilevanti, come da tempo hanno messo in evidenza le ricerche volte a ricostruire consistenza e composizione delle raccolte di manoscritti di importanti monasteri e comunità secolari e conventuali.

Tra i secoli XI e XIV la penisola italiana è un grande laboratorio di produzione di manoscritti miniati: abbazie come quelle di Montecassino e Cava de’ Tirreni, ma anche città come Milano, Padova, Trento e Firenze, insieme con la Roma dei papi, rappresentano alcune delle maggiori sedi di scriptoria e biblioteche ecclesiastiche. Stili e tecniche, rapporto testo-illustrazione, processi di ampliamento delle biblioteche, meccanismi di autolegittimazione messi in atto dai committenti sono alcuni dei temi intorno a cui si snoda l’indagine qui condotta.

Un viaggio nell’arte della miniatura in tutte le sue declinazioni, un percorso tra gli scriptoria monastici e capitolari e le botteghe miniatorie, che si sofferma in particolare sulle scelte artistiche e iconografiche, sulle modalità di produzione e sui contesti di destinazione dei manoscritti, puntando a far emergere il ruolo cruciale ricoperto dagli ordini religiosi e dai grandi ecclesiastici nella storia della committenza libraria di età medievale.

Indice

* Thomas Forrest Kelly, The pictures in Exultet rolls (pp. 13-24)
* Giulia Orofino, L’abate Desiderio committente di libri: manoscritti miniati a Montecassino (1058-1087) (pp. 25-44)
* Roberta Casavecchia, Rapporto tra testo e decorazione negli omeliari cassinesi dell’XI secolo (pp. 45-66)
* Erica Orezzi, Decorazione e illustrazione nei manoscritti desideriani: censimento e analisi quantitativa (pp. 67-83)
* Gaia Elisabetta Unfer Verre, Oltre Desiderio: manoscritti decorati cassinesi del XII secolo (pp. 85-104)
* Emanuela Elba e Maurizio Tezzon, Nel libro, oltre il libro: il catalogo dei codici di Montecassino nell’era digitale (pp. 105-120)
* Giuseppa Z. Zanichelli, Cava: la creazione di una biblioteca monastica (pp. 121-138)
* Teresa D’Urso, Un libro per l’abate Balsamo: immagine, contesto e memoria del De septem sigillis di Benedetto Barese (pp. 139-159).

Tavole a colori

* Andrea Improta, Manoscritti miniati a Cava al tempo dell’abate Leone II (1268-1295) (pp. 161-179)
* Alessandra Perriccioli Saggese, Fra la badia e la corte: la committenza libraria di Filippo de Haya, abate di Cava e familiare del re (pp. 181-200)
* Marco Rossi, Le biblioteche ecclesiastiche a Milano nei secoli XIII e XIV: nuove proposte per le cattedrali (pp. 201-222)
* Stefania Buganza, Le biblioteche di Sant’Eustorgio e San Francesco Grande di Milano tra Due e Trecento: Materiali per uno studio (pp. 223-250)
* Andrea Luigi Casero, Lo scriptorium e la biblioteca di Morimondo, con alcune riflessioni sul Messale Nardini (pp. 251-277)
* Federico Riccobono, Prime ricognizioni tra i codici miniati in chiese, monasteri e canoniche a Milano (secoli XIII-XIV) (pp. 279-306)
* Francesca Demarchi, La Bibbia B 48 inf. della Biblioteca Ambrosiana di Milano (pp. 307-318)
*  Fabrizio Crivello, I manoscritti miniati di un principe vescovo: Federico Vanga (pp. 319-338)
* Silvia Maddalo, Roma nel secolo XIII- storie di libri, di artisti, di committenti. Un’introduzione (pp. 339-344)
* Chiara Paniccia, Ottaviano Ubaldini: un cardinale committente nella Roma del XIII secolo (pp. 345-358)
* Costanza Rapone, La Bibbia miniata tra i manoscritti prodotti a Roma nel Duecento (pp. 359-372)
* Eva Ponzi, Le ali del serafino e le ali della colomba. L’immagine di san Francesco in un antifonario vaticano (pp. 373-386)
* Sonia Chiodo, Dalla biblioteca dei francescani di Santa Croce a Firenze: un Decretum Gratiani del XII secolo (pp. 387-406)
* Beatrice Alai, Sulla Bibbia glossata di Enrico de’ Cerchi: qualche considerazione attorno al libro dei Vangeli (pp. 407-425)
* Federica Toniolo, La ricostruzione della facies miniata dei manoscritti delle biblioteche conventuali padovane: metodi, acquisizioni e problematiche della ricerca (pp. 427-450)
* Silvia Fumian, Tra tardogotico e umanesimo- tradizione e rinnovamento nei manoscritti delle biblioteche, conventuali padovane (pp. 451-472)
* Sabina Zonno, Cultura internazionale negli studia conventuali di Padova: i manoscritti miniati di origine francese nelle biblioteche del Santo e degli Eremitani (pp. 473-494).

Clicca qui per leggere del convegno o anche della presentazione del volume

Pagine di scuola

BOOK: Il manoscritto sforzesco Varia 75 della Biblioteca Reale di Torino.

Promosso dalla rivista Alumina nell’ambito del progetto “Salviamo un Codice”, giunto alla XI edizione, il restauro del ms. Varia 75 della Biblioteca Reale di Torino, noto come Codice Sforza, è l’occasione per approfondire lo studio di questo prezioso quadernetto membranaceo, scritto a Cremona da Ludovico Maria Sforza all’età di 15 anni e 4 mesi e decorato da abili miniatori che lo ornarono di ricche bordure con fregi, imprese, ritratti, stemmi e scene ispirate a eventi della storia greca e romana.

Si tratta di un’esercitazione scolastica, un commento alla Rhetorica ad Herennium che il futuro signore di Milano, sotto la guida del precettore, intendeva presentare alla madre Bianca Maria Sforza quale saggio dei suoi progressi negli studi. Ricco di notazioni grammaticali, letterarie e storiche, il codice è una rara testimonianza della solida e articolata formazione culturale del giovane principe, effigiato in alto a destra nel verso dell’ultima carta, mentre a sinistra appare il docente su una cattedra recante le imprese sforzesche. Tre personaggi d’eccezione, colti in un momento cruciale della loro esistenza.

Un capolavoro della miniatura che oggi rivive grazie a una raffinata edizione in facsimile della casa editrice Nova Charta.

Per saperne di più

Printing and Humanism in Renaissance Italy

BOOK: M. D. Feld, Printing and Humanism in Renaissance Italy. Essay on the Revival of the Pagan Gods, edited with an Introduction by Cynthia M. Pyle; Foreword by Marino Zorzi, Roma 2015 (Roma nel Rinascimento), pagine 360, € 38,00.

This book presents a highly interdisciplinary Renaissance story, the intellectual history of the introduction of printing into Italy, 1464-1473, under the auspices of Nicholas of Cusa, Cardinal Bessarion, and the Mainz printers Sweynheym and Pannartz, printing first at Subiaco, then in Rome. It is a tale of 15th century syncretism in the context of Roman humanism: the politically astute sequencing of Pagan and Church texts in an elaborately planned printing program, edited and with prefaces by Giovanni Andrea Bussi, and later edited by Niccolò Perotti.

TABLE OF CONTENTS

Foreword by Marino Zorzi (pp. IX-XI)
Introduction by Cynthia M. Pyle (pp. XIII-L)
Acknowledgements (pp. LI-LII)
Note on the Text (p. LIII)
Bibliography of Works Published by M.D. Feld (pp. LV-LVIII).

* Chapter I: The Early Evolution of the Authoritative Text (pp. 1-41)
* Chapter II: Constructed Letters and Illuminated Texts: Regiomontanus, Leon Battista Alberti, and the Origins of Roman Type (pp. 43-64)
* Chapter III: Sweynheym and Pannartz, Cardinal Bessarion, Neoplatonism: Renaissance Humanism and Two Early Printers’ Choice of Texts (pp. 65-118)
* Chapter IV: The Sibyls of Subiaco: Sweynheym and Pannartz and the Editio Princeps of Lactantius (pp. 119-136)
* Chapter V: A Theory of the Early Italian Printing Firm. Part I: Variants of Humanism (pp. 137-173)
* Chapter VI: Theory of the Early Italian Printing Firm. Part II: The Political Economy of Patronage (pp. 175-211).

Appendix I: The First Roman Printers and the Idioms of Humanism [[An Exhibition]] (pp. 213-282)
- An Introduction
- Bibliographies Cited
- Catalog of the Exhibition
Appendix II: Review Article by Giuseppe Lombardi (1991) Translated by Cynthia M. Pyle (pp. 283-288)
General Index (Persons and Subjects) (pp. 289-298).

Aggiunte alla miniatura tardogotica

palladino

ARTICLE – Pia Palladino, Aggiunte alla miniatura tardogotica: un graduale di San Pietro a Savigliano per la Congregazione di Santa Giustina, oggi alla Beinecke Library 19, in Bollettino d’Arte, serie VII, anno C, aprile-giugno 2015, fascicolo 26, pagine 19-32.

L’articolo prende in esame un inedito graduale miniato quattrocentesco proveniente dall’abbazia piemontese di San Pietro a Savigliano, oggi conservato nella Beinecke Library, Yale University (ms. Music Deposit 72).

Il manoscritto, forse l’unico volume superstite di una più ampia serie di corali commissionata dopo l’unione del monastero alla Congregazione di Santa Giustina nel 1459, fu decorato da due personalità distinte, il cui stile riflette la pluralità di indirizzi nella miniatura tardogotica veneto-lombarda del terzo quarto del secolo.

Il primo artista, responsabile della maggior parte della decorazione, va identificato nell’anonimo miniatore lombardo attivo in due manoscritti dell’Archivio arcivescovile di Torino, commissionati dal vescovo piemontese Ludovico di Romagnano (1438-1468), e finora poco noti agli studi.

Il secondo artista, autore della pagina miniata più bella del volume, è riconoscibile nel misterioso Maestro del Graduale 738 (Biblioteca Civica di Verona, ms. 738), collaboratore del Maestro dell’antifonario Q di San Giorgio Maggiore.

L’aggiunta del manoscritto di Yale al corpus di quest’ultimo miniatore fornisce nuovi, importanti dati per ricostruire la sua personalità e definirne il ruolo nel complesso panorama della produzione liturgico-libraria destinata alla Congregazione di Santa Giustina in area padana.

Read the abstract in English