L’Italia e le culture del Mediterraneo

CONFERENCE: Inclusioni culturali. L’Italia e le culture del Mediterraneo, Barberini Corsini Gallerie Nazionali, Palazzo Barberini, via delle Quattro Fontane 13, Roma, 26 maggio 2017. Convegno di Studi Umanistici a cura di Lara Scanu.

La giornata di studio, che si configura come un workshop tematico di discipline umanistiche, ha l’obiettivo di rintracciare gli elementi che, all’interno del patrimonio culturale, storico ed artistico italiano, testimoniano l’apertura, l’accoglienza e, talvolta, la diffidenza verso “mondi altri”, cercando sempre di accogliere le novità portate e di farle proprie, integrandole con esigenze e tradizioni preesistenti.

Ci si propone quindi di lavorare sulle “immagini”, non solo figurative ma anche testuali, facendole interagire con il loro contesto e restituendo l’inclusione di queste incursioni “forestiere” nel nostro patrimonio.

Il programma è articolato in quattro sezioni dedicate ad altrettante macro aree tematiche, il ritratto, la testualità, i viaggi dell’arte e le inclusioni territoriali, che saranno dibattute da archeologi, filologi, storici e storici dell’arte, cercando di utilizzare degli strumenti universali a partire da una tematica comune, ma avendo come premessa degli approcci teorici diversi.

Programma

I Sessione: Ritratti da altri mondi
Presiede: Fulvia Strano (Museo di Roma)
* Massimiliano Papini (Dipartimento di Scienze dell’Antichità, Sapienza Università di Roma), Similitudinem effingere ex vero: immagini e biografie in età imperiale
* Alessandra Pedersoli (Università IUAV di Venezia), Giovanni VIII Paleologo e la fortuna del suo profilo in Occidente. Uno sguardo alle fortuna nelle arti figurative tra Quattrocento e Cinquecento
* Lara Scanu (Dipartimento di Studi Umanistici, Università di Ferrara), Memling e Botticelli: migrazioni di antichità tra nord e sud
* Michela Ramadori (Dipartimento di Studi Umanistici, Università Roma Tre), La rappresentazione dei Turchi nel XVII secolo: dai dipinti celebrativi di Palazzo Colonna ai SS. Apostoli a Roma, alle tele della chiesa di S. Vittoria a Carsoli nel ducato di Tagliacozzo.

II Sessione: Altri Mondi tra storia e testi
Presiede: Andrea Gatti (Dipartimento di Studi Umanistici, Università di Ferrara)
* Maria Letizia Adani (Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo, Sapienza Università di Roma), Raffaele Pasini e il florilegium degli Eremitani: un singolare incontro tra agiografia e botanica internazionale
* Giuseppe Lentini (Dipartimento di Scienze dell’Antichità, Sapienza Università di Roma), Lo Scudo di Achille: la città e l’universo
* Chiara Guerzi (Dipartimento di Studi Umanistici, Università di Ferrara), Tra Parigi, Avignone e Ferrara: svaghi di corte nella decorazione più antica della delizia di Belfiore.

III Sessione: Migrazioni di sguardi. Viaggi di artisti e opere d’arte
Presiede: Francesca Cappelletti (Dipartimento di Studi Umanistici, Università di Ferrara)
* Alessandro Cosma (Barberini Corsini Gallerie Nazionali), In viaggio per Malta. Mattia Preti e l’Ordine di San Giovanni tra celebrazione e promozione
* Ilaria Renna (Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo, Sapienza Università di Roma), Intorno alla figura di Francesco Fernandi detto l’Imperiali: indagine sui rapporti tra Roma e la Scozia nella prima metà del XVIII secolo
* Matteo Piccioni (Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo, Sapienza Università di Roma), “Noi si guarda a Picasso”: lo sguardo oltre il confine dell’arte italiana nel secondo dopoguerra.

IV Sessione: Inclusioni Territoriali
Presiede: Daniela Pasquinelli d’Allegra (Associazione Italiana Insegnanti di Geografia)
* Andrea Di Simone (Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo, Sapienza Università di Roma), La Virgo lactans tra devozione popolare e manifestazioni artistiche: l’Abruzzo nel XIII secolo
* Bibiana Borzì (Università degli Studi di Catania), Pensare al modo antico e parlare la lingua dei contemporanei. La lezione liberty di Ernesto Basile
* Matteo Provasi (Dipartimento di Studi Umanistici, Università di Ferrara), Ferrara eterodossa. Ebrei, turchi, calvinisti in una retrovia cattolica.

Source: H-ArtHist

Discussion Area - Leave a Comment