Un nuovo antifonario di Paolo Bramè

ARTICLE: Andrea Improta, Un nuovo antifonario per Santa Maria della Sanità e una proposta per il soggiorno napoletano di Paolo Bramè, in “Paragone”, s. III, a. LXVIII, n. 133, 2017, pp. 35-46, tavv. 30-41.

Ambrogio Lorenzetti in mostra a Siena

Lorenzetti

EXHIBITION: Ambrogio Lorenzetti, Siena, Santa Maria della Scala, 22 ottobre 2017 – 21 gennaio 2018. Curatori: Alessandro Bagnoli, Roberto Bartalini e Max Seidel.

Ambrogio fu uno dei più grandi pittori dell’intera Europa del secolo XIV, ma si può dire – per quanto possa sembrare un paradosso – che è un artista poco conosciuto. È universalmente noto come il pittore del Buon Governo, il ciclo di dipinti allegorici e dalle straordinarie visioni urbane e agresti. Ma, al di là di questo, non si conosce il pittore dall’incontenibile creatività che ha rinnovato profondamente molte tradizioni iconografiche; non si conosce l’innovatore della concezione stessa dei dipinti d’altare, il grande pittore di storie sacre, il narratore che allarga lo sguardo alla reinvezione del paesaggio e della pittura d’ambiente.

Grazie a una serie di richieste di prestito molto mirate, (saranno esposte opere provenienti dal Louvre, dalla National Gallery, dalle Gallerie degli Uffizi, dai Musei Vaticani) la mostra intende ritessere la grande vicenda artistica di Ambrogio Lorenzetti, facendo convergere al Santa Maria della Scala tutta una serie di dipinti che, in massima parte, furono prodotti proprio per cittadini senesi e per chiese della città.

Potranno così tornare a vivere idealmente, grazie ai frammenti superstiti, anche cicli di affreschi un tempo molto famosi ma distrutti, come quelli dell’aula capitolare e del chiostro della chiesa di San Francesco a Siena, i dipinti della chiesa agostiniana senese e il ciclo, restaurato per l’occasione, della cappella di San Galgano a Montesiepi, a tal punto fuori dai canoni della consolidata iconografia sacra che i committenti pretesero delle sostanziali modifiche poco dopo la loro conclusione.

La mostra, preceduta dall’iniziativa Dentro il restauro, realizzata grazie al contributo del MIBACT per Siena capitale della cultura 2015, ingloba anche alcuni altri luoghi della città: la chiesa di San Francesco e la chiesa di Sant’Agostino, dove sono stati compiuti per l’occasione i restauri dei cicli di affreschi del Lorenzetti e naturalmente il Palazzo Pubblico, sede del ciclo del Buon Governo.

Per saperne di più

Illuminating Metalwork

CALL FOR PAPERS - Edited volume: Illuminating Metalwork: Metal, Object, and Image in Medieval Manuscripts. Volume editors: Joseph Salvatore Ackley and Shannon L. Wearing.

Historians of Western medieval, Byzantine, and Islamic art are invited to contribute essays to a volume on the representation of precious metalwork in medieval manuscripts.

The makers of medieval manuscripts frequently placed special emphasis on the depiction of precious-metal objects, both sacred and secular, including chalices, reliquaries, crosses, tableware, and figural sculpture. Artists typically rendered these objects using gold, silver, and metal alloys, “medium-specific” materials that richly and pointedly contrasted with the surrounding color pigments.

The visual characteristics of these depicted metal things—lustrous yet flat, almost anti-representational—could dazzle, but perhaps also disorient: they grab the eye while creating a fertile tension between the representation of an object and the presentation of a precious stuff, between the pictorial and the material. A gold-leaf chalice signals its referent both iconically, via its shape, and indexically, via its metal material—a semiotic duality unavailable to the remainder of the painted miniature—and such images might accrue additional complexities when intended to represent known real-world objects.

This volume of essays will take inventory of how manuscript illuminators chose to depict precious metalwork and how these depictions generated meaning. The prominent application of metal leaf is one of the most distinguishing features of medieval manuscript illumination (only those books thus decorated technically merit the designation “illuminated”), and yet, despite its hallmark status, it has rarely served as a central subject of scholarly scrutiny and critique. In addressing both the use of metal leaf and the representation of precious-metal objects (via metallic and non-metallic media alike), Illuminating Metalwork seeks to remedy this lacuna.

This volume will enhance traditionally fruitful approaches to medieval manuscript illumination, such as those analyzing text/image dynamics, pictorial mimesis, or public vs. private reception, by considering issues of materiality, preciousness, and presence. By focusing on the representation of precious metalwork, these studies will introduce new paths of inquiry beyond the depiction of actual objects and incorporate analyses of the use and simulation of metallic preciousness more broadly.

We invite essays that represent the full temporal and geographic scope of medieval manuscript painting—from Late Antiquity into the early modern era, from the Latin West to the Byzantine and Islamic East—in order to foster trans-historical and cross-cultural analysis. Possible themes include:
* chronological/geographical specificities in the representation of metalwork in manuscript illuminations;
* depictions of precious-metal figural sculpture, including idols;
* artistic technique and technical analysis (e.g. pigment vs. leaf, and the alloys used therein);
* the semiotics of metal on parchment; the phenomenology of the encounter;
* whether we can speak of “portraits” of particular objects and/or visual “inventories” of specific collections.

Deadline: 1 December 2017 (a proposal of 500 words and brief bio). Notification of submission status: 15 December 2017. Anticipated submission of completed texts: 1 October 2018.

Please direct to Joseph Ackley and/or Shannon Wearing all inquiries and submissions.

Source: H-ArtHist

Job Vacancy to Work with Digital Images

JOB: Vacancy to Work with Digital Images at the British Library.

The British Library is recruiting for a Project Officer to work on The Polonsky Foundation England and France Project (here): Manuscripts from the British Library and the Bibliothèque nationale de France, 700-1200. This is a full-time, fixed term position, for nine months, in the Ancient, Medieval and Early Modern Manuscripts section of the Western Heritage Department.

The Project Officer will assist the curators with all aspects of preparation for and delivery of the digitisation project and other smaller digitisation projects, including the South-East Asian manuscripts project. This will include arranging for delivery to the studio, checking images and uploading manuscripts to the Library’s online catalogue, contributing to the development of learning materials, preparing blog posts, answering enquiries and a range of other curatorial duties.

This is a 9-month post post beginning in January 2018, dependent on the necessary security clearances being obtained. The position is only open to applicants with the right to work in the UK. The selection process may include questions about the date and origin of a particular manuscript to be shown at the interview.

Closing Date: 5 November 2017. Interviews will be held on 16 November 2017.

Full details of the post and how to apply are available on the Library’s website

I manoscritti della Casanatense e Vallicelliana

Frate-Nebridio

NEWS: Presentazione del volume I manoscritti datati delle Biblioteche Casanatense e Vallicelliana di Roma, a cura di Paola Busonero, Elisabetta Caldelli, Isabella Ceccopieri, Valentina D’Urso, Patrizia Formica, Antonella Mazzon, Marco Palma, Valerio Sanzotta e con il contributo di Giuseppe Finocchiaro, Firenze 2016 (SISMEL – Edizioni del Galluzzo), pp. X-152 131, tavv. f.t., € 120; mercoledì 11 ottobre 2017.

Roma, Biblioteca Casanatense, ore 16.00
Intervengono:
* Rita Fioravanti (Biblioteca Casanatense)
* Nicoletta Giovè (Università degli Studi di Padova – Associazione Italiana Manoscritti Datati)
* Marco Palma (Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale)
* Mario De Nonno (Università degli Studi di Roma Tre).

Roma, Biblioteca Vallicelliana, ore 18.00
Intervengono:
* Paola Paesano (Biblioteca Vallicelliana)
* Nicoletta Giovè (Università degli Studi di Padova – Associazione Italiana Manoscritti Datati)
* Marco Palma (Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale)
* Paolo Cherubini (Archivio Segreto Vaticano).

In occasione della presentazione (Roma, 11/10/2017), il volume è offerto con il 30% di sconto (€ 84,00 anziché € 120,00). Valido fino al 18.10.2017 e solo per ordini diretti.

Professeur ordinaire en histoire de l’art médiéval

JOB: Poste de Professeure ou professeur ordinaire en histoire de l’art médiéval, Université de Lausanne, Dorigny. Entrée en fonction : 1er août 2018. Durée du contrat : 6 ans, renouvelable. Identifiant de la demande : 11901.

Lieu d’enseignement, de recherche et de vie, l’UNIL rassemble plus de 14.300 étudiantes et près de 3.900 membres du personnel, du corps professoral et de la recherche. Idéalement situé au bord du lac et au centre-ville, son campus réunit quelque 120 nationalités. La section d’histoire de l’art de la Faculté des Lettres de l’Université de Lausanne met au concours un poste de professeure ou professeur ordinaire en histoire de l’art médiéval.

La personne titulaire assurera l’enseignement de l’histoire de l’art médiéval occidental du IVe au XVe siècle. Dans le cadre du Centre d’Études Médiévales et Post-Médiévales (CEMEP), elle collaborera avec les collègues des autres disciplines de la Faculté des Lettres. Elle développera des projets de recherche individuels et collectifs en histoire de l’art médiéval.

Description des tâches :
- 6h hebdomadaires d’enseignement au niveau Baccalauréat et Maîtrise universitaires,
- participation à des formations post-graduées (p.ex. programme doctoral CUSO en histoire de l’art ou/et études médiévales),
- encadrement de mémoires de maîtrise et de thèses de doctorat,
- recherches personnelles et direction de projets en équipe, publications,
- participation à des tâches administratives au sein de la filière, de la section et de la faculté.

Qualifications requises :
- doctorat en histoire de l’art médiéval,
- expérience de l’enseignement universitaire à tous les niveaux,
- publications d’au moins deux livres faisant autorité dans leur domaine sur le plan international,
- expérience du travail en équipe.

Nous vous prions de bien vouloir nous transmettre votre dossier complet en format PDF, composé d’une lettre de motivation, d’un Curriculum Vitae, d’une liste des publications, ainsi que de l’adresse mail de deux personnes de référence.

Pour des informations complémentaires, nous vous remercions de contacter Christian Michel, vice-président de la section d’histoire de l’art.

Délai de postulation : 3 novembre 2017.

En savoir plus

Musica Memoria Materia

CONFERENCE: Musica Memoria Materia. I libri liturgici con notazione musicale: riflessioni per una corretta conoscenza e buone pratiche per la loro gestione, Museo Nazionale della Certosa Monumentale di Calci, Pisa, 10 ottobre 2017.

Seminario a cura del Museo Nazionale della Certosa Monumentale di Calci, il Polo Museale della Toscana e il Centro di Documentazione Musicale della Toscana.

L’attività di ricognizione sui fondi musicali del Centro di documentazione musicale della Toscana ha permesso di raccogliere informazioni sulla presenza dei libri liturgici musicali conservati nelle biblioteche, negli archivi e nei musei del nostro territorio: un patrimonio bibliografico vasto, connotato da una notevole ricchezza semantica che comprende aspetti liturgici, musicali, artistici e codicologici.

A 650 anni dalla posa della prima pietra della Certosa di Calci, la giornata di studi promossa insieme al Museo Nazionale della Certosa Monumentale – Polo Museale della Toscana vuole riunire le istituzioni conservatrici per un confronto costruttivo sugli aspetti di conservazione, tutela, catalogazione e valorizzazione dei libri liturgici manoscritti e a stampa con notazione musicale.

La mappatura del CeDoMus potrebbe essere un primo passo verso un progetto integrato, al quale tutte le istituzioni possono dare il proprio contributo, nell’ambito del patrimonio bibliografico-musicale di carattere sacro.

Una serie di relazioni introduttive metteranno in luce la complessità semantica del libro corale avviando le riflessioni della tavola rotonda di fine mattinata. Nel pomeriggio è prevista una sessione formativa rivolta agli operatori di biblioteche, archivi e musei che quotidianamente si trovano a gestire questa particolare tipologia libraria.

Programma

Saluti di benvenuto e presentazione del progetto Musica APPlicata alla Storia.

Pluralità semantica nei libri liturgici musicali: una ricchezza da riscoprire
• Stefania Gitto (Centro di Documentazione Musicale della Toscana), Per una mappatura dei corali, libri liturgici e frammenti musicali: lo stato dell’arte in Toscana
• Padre Ubaldo Cortoni (Sacro Eremo di Camaldoli) e Don Renzo Fantappiè (Diocesi di Prato), La liturgia nei libri corali
• Giacomo Baroffio (Università degli Studi di Pavia – Cremona), Il canto liturgico
• Sonia Chiodo (Università degli Studi di Firenze), La miniatura e il suo pubblico. Un caso di studio: corali miniati per gli ordini minori in Toscana nel Duecento
• Gabriella Pomaro (Sismel – Sezione di Paleografia), Il progetto CODEX per il manoscritto musicale liturgico. Aspetti di catalogazione e prospettive di fruizione.

Proposte per un progetto integrato
Tavola rotonda coordinata da Stefano Casciu (Direttore del Polo Museale della Toscana) con la partecipazione di:
* Antonia d’Aniello (Direttore del Museo nazionale della Certosa monumentale di Calci)
* Roberto Ferrari (Direttore della Direzione Cultura e Ricerca della Regione Toscana)
* Don Luca Franceschini (Delegato CEI per la Consulta regionale dei Beni culturali ecclesiastici)
* Stefania Gitto (Responsabile del Centro di Documentazione Musicale della Toscana)
* Marilena Tamassia (Direttore del Museo di San Marco, Firenze)
* Diana Toccafondi (Soprintendente archivistica e bibliografica della Toscana).

Buone pratiche per la tutela, la gestione e la conservazione dei libri liturgici musicali
• Roberta Castelli, Ilaria Palloni, Linee guida per una ricognizione inventariale
• Giacomo Baroffio, Strumenti di lavoro e apparati catalografici per la descrizione dei libri liturgici musicali
• Patrizia Radicchi e Ilaria Zolesi, Frammenti musicali pergamenacei: passato@futuro
• Claudia Giostrella, Maneggiare con cura: consigli per una corretta conservazione quotidiana
• Irene Mauro e Anna Nicolò, I libri liturgici nell’ambito della tutela e vigilanza sui beni bibliografici
• Elena Scaravella e Barbara Sisti, I Nodi della Tutela in tour. Tra Biblioteca e Museo: un esempio di valorizzazione del patrimonio locale.

Visita alla Certosa con la direttrice Antonia d’Aniello.

Per saperne di più

I manoscritti datati della Capitolare di Padova

Padova

NEWS: Presentazione del volume I manoscritti datati della Biblioteca Capitolare di Padova, a cura di Leonardo Granata, Firenze 2016 (SISMEL – Edizioni del Galluzzo, pp. VII-128; 84 tavv. f.t.), Museo Diocesano, Piazza Duomo 12, Padova, 27 settembre 2017, ore 16.

Intervengono:
* Don Stefano Dal Santo (Biblioteca Capitolare di Padova)
* Teresa De Robertis (Università di Firenze)
* Nicoletta Giovè (Università di Padova)
* Claudio Griggio (Università di Udine)
* Federica Toniolo (Università di Padova).

In occasione della presentazione, il volume è offerto con il 30% di sconto (€ 80,50 anziché € 115,00). Valido fino al 6.10.2017 e solo per ordini diretti.

Art et économie au XIVe siècle

CONFERENCE: Art et économie en France et en Italie au XIVe siècle. Nouvelles enquêtes,  Université de Lausanne – Site de Sorge (Bâtiment Amphipole, salle 342), 19–20 octobre 2017. La participation au colloque est gratuite.

Programme

Jeudi 19 octobre 2017, 14h00-18h00
* Accueil des participantes. Ouverture des travaux, par Nicolas Bock et Michele Tomasi.

L’Italie au Trecento et au Quattrocento : da Giotto alla morte !
* Damien Cerutti (Université de Lausanne), Giotto & Cie. Réflexions sur le marché pictural florentin dans le deuxième quart du Trecento
* Katalin Prajda (University of Chicago), Finanze e attività imprenditoriale nelle industrie pittoriche, orafe e di carpenteria nella Firenze del primo Rinascimento. Come la seta divenne una specialità fiorentina
* Fabio Marcelli (Università di Perugia), Arte, civiltà comunale ed economia nell’Appennino umbro-marchigiano
* Giampaolo Ermini (Scuola Normale Superiore, Pisa), Il cantiere del coro trecentesco del duomo di Orvieto : manovalanza, materiali, costi e finanziamenti
* Paola Vitolo (Università di Catania), Spese della morte : investimenti per l’aldilà (e per l’al di qua) e pratica artistica (Italia, XIII-XIV secolo).

Vendredi 20 octobre 2017, 9h00-17h00 :
Les arts du luxe
* Chiara Maggioni (Università Cattolica, Milano), Orfèvreries à Mantoue au XIVe siècle : frais, évaluations, valeurs de marché
* Andrea Cravero (Université de Lausanne et Università di Torino), Vetri dorati e graffiti del basso medioevo : economia di una bottega assisiate e mercato fiorentino
* Giampaolo Distefano (Università di Torino), Le occasioni del mercato artistico parigino del Trecento e la carriera dell’orafo Jean le Braelier.

Entre l’Italie et la France
* Teodoro De Giorgio (Scuola Normale Superiore, Pisa), La riorganizzazione del sistema fiscale della corte pontificia avignonese sotto Giovanni XXII (1316-1334) e il nuovo volto del mecenatismo artistico papale
* Alain Salamagne (Université de Tours), L’usage du bois précieux dans le château en France et en Bourgogne (1350-1450).

Perspectives méditerranéennes
* Doron Bauer (Florida State University, Tallahassee), Economic Fluctuations and Artistic Production in The Kingdom of Majorca
* Francesco Ruvolo (Milano), Prima di Antonello. Nuovi culti, spazio sacro e potere economico, nella Messina tra Due e Trecento.

En ouvrant encore les perspectives
* Etienne Anheim (EHESS, Paris), L’économie du travail artistique au XIVe siècle en France et en Italie
* Wim Blockmans (Universiteit Leiden), La spécificité du secteur de l’art dans l’économie du bas Moyen Âge.

En savoir plus

V&A Curator of Medieval Art and Design

JOB:  Curator of Medieval Art and Design at the Victoria & Albert Museum, South Kensington, London. Salary: £26,940.00 – £38,542.00 Per Annum. Reference: SEP20170020.

The Museum is seeking to appoint a Curator of Medieval Art and Design to join the Department of Sculpture, Metalwork, Ceramics & Glass. The post-holder will be responsible for the development, care, research, display and interpretation of medieval art and design (excluding manuscripts, which are held in the National Art Library) in the Sculpture, Metalwork, Ceramics & Glass Department.

The extensive European medieval collections are of national and international importance, and the post-holder will serve a wider role within the Department and the Museum as one of the medieval specialists, and will be expected to play an active role in the field of medieval studies and collecting, both nationally and internationally.

The successful candidate will have practical experience of collections management, excellent organisational, interpersonal and writing skills and experience in research and publication. They will be comfortable working across decorative arts collections, contributing to the V&A FuturePlan and exhibition projects, and cultivating and cementing good relations with external organisations and communities.

Please note that candidates who are invited for an interview will be asked for an example of the written/published work.

Deadline: 6 October 2017.

Read more

Un nuovo Giotto al Santo di Padova

Giotto

CONFERENCE: Giacomo Guazzini (Scuola Normale Superiore di Pisa), Un nuovo Giotto al Santo di Padova: la cappella della Madonna Mora, Accademia delle Arti del Disegno, Palazzo dell’Arte dei Beccai, Sala delle Adunanze, via Orsanmichele 4, Firenze, 15 settembre 2017, ore 17.00.

Introducono e moderano:
Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia
Enrica Neri Lusanna, Presidente della Classe di Storia dell’Arte.

Segue tavola rotonda con Giorgio Bonsanti, Marco Ciatti, Victor Schmidt, Angelo Tartuferi e Alessandro Tomei.

La conferenza si inserisce nel ciclo Le età del Disegno a cura di Enrica Neri Lusanna.

Per saperne di più

Il restauro dei manoscritti

CONFERENCE – Il restauro dei manoscritti: storia, esperienze, il contributo della chimica, Venezia, Auditorium Santa Margherita, Campo Santa Margherita, e Dipartimento di Studi Umanistici, Palazzo Malcanton Marcorà, Dorsoduro 3484/D, Sala Morelli (piano terreno), 29 – 30 settembre 2017.

Programma

Venerdì 29 settembre 2017, ore 10.30
Auditorium S. Margherita, Campo Santa Margherita
I Sessione: LA STORIA
Presiede: Carlo Federici (Università Ca’ Foscari, Venezia)
* Antonio Manfredi (Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano), Finalità e significato del restauro dei manoscritti nelle biblioteche del secolo XV
* Konstantinos Choulis (Technological Educational Institution, Atene), L’evoluzione del restauro dei manoscritti dal Medioevo ai giorni nostri
* Claudia Rabel (Institut de Recherche et d’Histoire des Textes, Parigi), Dalle fiamme allo schermo: conservazione, digitalizzazione e studio dei manoscritti di Chartres.

II Sessione: ESPERIENZE
Presiede: Konstantinos Choulis (Technological Educational Institution, Atene)
* Melania Zanetti (Università Ca’ Foscari, Venezia), Il restauro del manoscritto autografo del Diario spirituale di Sant’Ignazio di Loyola
* Nicoletta Giovè (Università di Padova) e Flavia De Rubeis (Università Ca’ Foscari, Venezia), La scrittura di Sant’Ignazio di Loyola tra paleografia e chimica
* Alessandro Sidoti (Biblioteca Nazionale Centrale, Firenze), Il Salterio di San Romualdo (sec. IX): primi interventi di restauro e indagini conoscitive
* A. Bianchi (Cartantica, Parma) e S. Mazzarino (Università Tor Vergata, Roma), Dal progetto al restauro di un manoscritto polimaterico. Il caso dell’Erbario Casapini (sec. XVIII).

Presiede Flavia De Rubeis
- Mario Infelise e Piero Scapecchi presentano il volume: Incunaboli a Siracusa, a cura di L. Catalano, R. C. Giordano, M. Palma, A. Scala, M. Scialabba, S. Terranova, R. Tripoli, Roma, Viella 2015 (Scritture e libri del medioevo, 14).
- Rosalia Claudia Giordano e Marco Palma illustrano il progetto di ricerca: Incunaboli a… Per una nuova metodologia descrittiva degli esemplari.

Sabato 30 settembre 2017, ore 9.30
Dipartimento di Studi Umanistici. Palazzo Malcanton Marcorà, Dorsoduro 3484/D, Sala Morelli (piano terreno)
III Sessione: IL CONTRIBUTO DELLA CHIMICA
Presiede Michele Maggini (Università di Padova)
* Paolo Calvini, La chimica e il restauro dei manoscritti: qualche luce, molte ombre
* Alfonso Zoleo (Università di Padova), Le analisi spettroscopiche sul manoscritto di Sant’Ignazio in occasione del suo restauro
* Piero Baglioni (Università di Firenze), La chimica dei nanocomposti e la sua applicazione al restauro dei manoscritti
* Elisabetta Zendri, Eleonora Balliana, Francesca Caterina Izzo (Università Ca’ Foscari, Venezia), La conservazione preventiva dei manoscritti come possibile alternativa al restauro tradizionale.

Per saperne di più