Hebrew Illumination for Our Time

Barbara-Woolf

EXHIBITION – Hebrew Illumination for Our Time: The Art of Barbara Wolff, The Morgan Library & Museum,  225 Madison Avenue at 36th Street, New York, 6 February – 3 May 2015.

The exhibition offers startling illuminations—recent gifts to the Morgan—created by this contemporary artist.

The ten folios of You Renew the Face of the Earth illustrate passages from Hebrew Psalm 104, a celebration of all creation, with images illuminated in silver, gold, and platinum foils.

In the seventeen bifolios comprising the Rose Haggadah, Wolff, while rooted in the tradition of illustrated Haggadot, presents a modern interpretation of the texts used at the Passover Seder.

To view the entire Rose Haggadah, please visit the online exhibition.

Learn more

An Index of Images in English Manuscripts

BOOK: K. L. Scott, The British Library, I: MSS Additional and Egerton, in the series An Index of Images in English Manuscripts from Chaucer to Henry VIII (HMIIEM 5), Turnhout 2014 (Harvey Miller), 360 pages, 37 b/w ill, € 115,00.

This fascicle in the series An Index of Images in English Manuscripts from the Time of Chaucer to Henry VIII reports on the Additional collection, the largest group of medieval (and other) manuscripts in the British Library.

The Additional manuscripts, which are catalogued by the British Library together with the Egerton manuscripts, contain many little known manuscripts with imagery as well as a considerable number of books famous for their illustration, i.e. the Bedford Hours and Psalter, the Hours of Elizabeth the Queen, and the Rous Roll.

Others such as the Old Hall Manuscript, Mallory’s Le morte Darthur, and the Book of Margery Kemp, are known for their texts. The fascicle describes 322 Additional manuscripts and sixty-three from the Egerton collection. In addition, 431 other Additional and Egerton manuscripts of the period were also examined for images relevant to the project.

The textual content of the indexed books include an exceptional number of historical materials as well as numerous literary manuscripts by prominent authors of the period such as John Gower, Chaucer, John Lydgate, and Nicholas Love.

This Index listing of representations of all types — from miniatures to catchwords — in manuscripts between the dates c. 1380 to c. 1510 is an unparalleled reference work to imagery of the period, which can also be used as a search tool for illuminated manuscripts in the British Library published on-line.

Lisibilité et visibilité des images

LECTURES: Lisibilité et visibilité des images, Université Paris 1 Panthéon Sorbonne — LAMOP. Six séances le mardi et le vendredi, entre mi-mars et mi avril. Sorbonne, salle Perroy, Mardi, 15h-17h et Vendredi, 16h-18h. Séminaire ouvert aux étudiants de master et aux doctorants.

Séminaires Pouvoirs et politique à la fin du Moyen Âge et Culture politique et société à la fin du Moyen Âge, 2014-2015.

Programme

Vendredi 13 mars 2015
* Anne-Laure Imbert et Yolaine Escande, Le paysage comme fiction politique : Sienne et la Chine, regards croisés.

Mardi 17 mars 2015
* Patrick Boucheron, Récits, images, fictions : sur quelques cycles ambrosiens.

Vendredi 27 mars 2015
* Christine Jéhanno, Des images méconnues : enluminures et lettres ornées dans les documents comptables de la fin du Moyen Âge.

Mardi 31 mars 2015
* Olivier Mattéoni, Images et légitimité d’une institution : remarques sur quelques registres enluminés de la Chambre des comptes de Paris (XVe-début XVIe siècle).

Mardi 7 avril 2015
* Marc-Édouard Gautier, Au service du lien vassalique : les aveux féodaux enluminés en Anjou (mi XVe– début XVIIe siècle).

Vendredi 10 avril 2015
* Gil Bartholeyns, La métaphore matérielle et l’image : démêler le mystère chrétien à coup de récits naturels.

En savoir plus

Pontormo Returns

Pontormo

LECTURE: Elizabeth Pilliod, Pontormo Returns, Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut, Palazzo Grifoni Budini Gattai, Via dei Servi 51, Firenze, 17 March 2015, at 8.00 h.

While previous scholars have advanced the discussion of the possible art-historical, religious and socio-political content of Pontormo’s lost paintings in the choir of San Lorenzo, this work departs in substantial ways from their methods and conclusions.

Re-addressed and re-answered are a series of crucial questions:  When did Pontormo begin this commission, how did it progress, and who determined the overall program? How did it look? Why were the subjects depicted in the choir selected for inclusion? What was Vasari’s intention in criticizing the paintings?

My analysis and proposals rest on, among other materials, an intense study of his drawings and drawing techniques; a new re-contextualization of Pontormo’s Diary, including the identification of the people and events in that document; historical chronicles, medical handbooks, church manuscripts; archival documents; and the physical existence of the paintings.

Recent theories involving the liminal, spectacle, motion, agency and picture-acts shed light on the power and functions of the images.

Elizabeth Pilliod is Visiting Professor of the History of Art at Rutgers-Camden University.

Further Information

Picturing Experience in the Early Printed Book

BOOK: Elizabeth Ross, Picturing Experience in the Early Printed Book. Breydenbach’s Peregrinatio from Venice to Jerusalem, University Park (PA) 2014 (Pennsylvania State University Press), 256 pages, 27 color and 84 b&w illustrations, € 63,15; hardcover edition: $79.95.

Bernhard von Breydenbach’s Peregrinatio in terram sanctam (Journey to the Holy Land), first published in 1486, is one of the seminal books of early printing and is especially renowned for the originality of its woodcuts. In Picturing Experience in the Early Printed Book, Elizabeth Ross considers the Peregrinatio from a variety of perspectives to explain its value for the cultural history of the period.

Breydenbach, a high-ranking cleric in Mainz, recruited the painter Erhard Reuwich of Utrecht for a religious and artistic adventure in a political hot spot—a pilgrimage to research the peoples, places, plants, and animals of the Levant. The book they published after their return ambitiously engaged with the potential of the new print medium to give an account of their experience.

The Peregrinatio also aspired to rouse readers to a new crusade against Islam by depicting a contest in the Mediterranean between the Christian bastion of the city of Venice and the region’s Muslim empires. This crusading rhetoric fit neatly with the state of the printing industry in Mainz, which largely subsisted as a tool for bishops’ consolidation of authority, including selling the pope’s plans to combat the Ottoman Empire.

Taking an artist on such an enterprise was unprecedented. Reuwich set a new benchmark for technical achievement with his woodcuts, notably a panorama of Venice that folds out to 1.62 meters in length and a foldout map that stretches from Damascus to Sudan around the first topographically accurate view of Jerusalem.

The conception and execution of the Peregrinatio show how and why early printed books constructed new means of visual representation from existing ones—and how the form of a printed book emerged out of the interaction of eyewitness experience and medieval scholarship, real travel and spiritual pilgrimage, curiosity and fixed belief, texts and images.

Read the review by Klaus Niehr (Universität Osnabrück).

I parametri ambientali per la conservazione

LECTURE: Adriana Bernardi (ISAC), I parametri ambientali e la conservazione dei materiali archivistici e librari, terzo appuntamento dei Lunedì della conservazione, Padova, Biblioteca Universitaria, via S. Biagio 7, lunedì 23 marzo (ore 17.00-18.30).

Adriana Bernardi  lavora presso l’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima, CNR, Padova.

La partecipazione è gratuita, ma è necessario iscriversi (clicca qui).

Online il volume del Bollettino d’Arte su Giotto

Giotto

BOOK - Giotto nella Cappella degli Scrovegni: Materiali per la tecnica pittorica. Studi e ricerche dell’Istituto Centrale per il Restauro, a cura di Giuseppe Basile, volume speciale del Bollettino d’Arte 2005.

Il Bollettino d’Arte rende disponibili on-line alcuni volumi della VI serie della Rivista (anni 1979-2008) che non è più facile reperire in commercio perché esauriti o comunque oramai disponibili in numero assai limitato, ma ancora molto richiesti come strumento di lavoro.

Nel volume vengono pubblicati i “materiali”che costituiscono un primo resoconto delle osservazioni, dei rilevamenti e delle indagini effettuate prima e durante il cantiere di restauro sul ciclo di Giotto. Si aggiunge così un tassello importante alla conoscenza tecnica dell’opera di Giotto, chiudendo definitivamente alcuni interrogativi ma soprattutto trovando riscontri solidi e concreti alla fama di insuperabile maestria conquistata da Giotto ancora vivo.

Il ciclo infatti, lungi dall’essere soltanto un esempio, per quanto alto e precoce, di pittura a fresco, si presenta al contrario come il caso più antico e più eclatante, se non unico, di contemporanea presenza di tutte le tecniche possibili su muro: la tempera con impiego dei due leganti più diffusi (colla animale e uovo), la pittura a secco a calce, lo “stucco romano” nei finti marmi e perfino l’olio laddove il pittore fa uso della biacca.

Con il Convegno Internazionale di studi tenutosi a Padova dal 21 al 23 novembre del 2002 su Giotto e la Cappella Scrovegni è giunto a compimento il programma di restauro finanziato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Un piano di lavoro che ha avuto il suo perno fondamentale nel cantiere di restauro dei dipinti murali di Giotto (3 luglio 2001 – 18 marzo 2002) ma che ha visto anche realizzate attività inerenti non solo il restauro ma la documentazione, la fruizione e la comunicazione, le pubblicazioni e i documentari.

Indice

* Giuseppe Basile, Per la tecnica di Giotto agli Scrovegni. Scoperte e conferme
* Pier Luigi Bianchetti, L’intonaco di preparazione e di finitura del ciclo pittorico di Giotto nella Cappella degli Scrovegni
* Maurizio Marabelli, Paola Santopadre, Marcella Ioele, Pier Luigi Bianchetti, Alfredo Castellano e Roberto Cesareo, La tecnica pittorica di Giotto nella Cappella degli Scrovegni: studio dei materiali
* Francesca Capanna e Antonio Guglielmi. Osservazioni relative alla tecnica di esecuzione dei dipinti murali nella Cappella, effettuate durante il cantiere di restauro
* Antonio Guglielmi e Francesca Capanna, L’intonaco giottesco per la realizzazione dei finti marmi: riflessioni e comparazioni sui procedimenti esecutivi
* Giovanni Bottiroli, Antonietta Gallone e Barbara Masala, Analisi microspettrofluorimetrica di leganti organici
* Roberto Ciabattoni, Analisi in frequenza delle immagini
* Fabio Fernetti, Considerazioni sulla tipologia delle stesure a secco
* Maurizio Marabelli, Paola Santopadre, Marcella Ioele, Alfredo Castellano, Roberto Cesareo e Marco Verità, Le lamine metalliche utilizzate nella decorazione dei dipinti murali giotteschi
* Lucia Travaini, Monete, battiloro e pittori. L’uso dell’oro nella pittura murale e i dati della Cappella degli Scrovegni.

Vai al volume

Aldo Manuzio e le sue edizioni

COURSE - Le Cattedre per Aldo, edizione straordinaria di una cattedra ambulante di Charta: Aldo Manuzio e le sue edizioni, coordinatore Alessandro Scarsella (Università Ca’ Foscari Venezia), Convento di San Francesco della Vigna, Castello 2786, Venezia, 17 – 19 aprile 2015.

Dal 17 al 19 aprile 2015 avrà luogo a Venezia, presso il convento di San Francesco della Vigna, una cattedra ambulante di Charta, in edizione veramente “straordinaria” anche per la formula del convegno-corso, che prevederà quindi la partecipazione di un numero più elevato di docenti provenienti dalle principali università e biblioteche, per celebrare il Quinto centenario della morte di Aldo Manuzio.

La conoscenza della produzione aldina dal punto di visto storico, della sua ricezione e degli aspetti editoriali e collezionistici ancora attuali, sarà proposta attraversando le discipline del libro, dall’incunabolistica alla documentazione, dalla bibliografia all’approccio catalografico delle grandi raccolte italiane ed europee.

Nova Charta propone per il 2015 i nuovi corsi delle Cattedre Ambulanti dedicati alla conoscenza del libro antico e moderno e patrocinati dall’AlAI. Le Cattedre Ambulanti sono un’ottima occasione di incontro con i maggiori esperti provenienti da Università, biblioteche, librerie antiquarie e case d’asta.

I corsi sono aperti a tutti: studenti universitari, collezionisti, librai, bibliotecari e semplici curiosi che vorrebbero avvicinarsi al mondo del collezionismo o dell’antiquariato librario.

Programma

Giovedì 16 aprile 2015
h. 16.30
* Aula San Domenico: Cultura del libro, carità e scienza nella Venezia di Aldo Manuzio (ingresso libero)
h. 18.00
* Visita guidata alla Scuola Grande di San Marco e alla Biblioteca (su prenotazione).

Venerdì 17 aprile 2015
* Saluto del direttore della Biblioteca del Convento di San Francesco della Vigna, Rino Sgarbossa o.f.m
* Alessandro SCARSELLA (Università Ca’ Foscari Venezia), La miniera aldina: recenti studi sul Polifilo
* Angela Maria NUOVO (Università degli Studi di Udine), Aldo Manuzio e il mondo dell’editoria veneziana del Cinquecento
* Manuela ROSSI (Musei Civici di Carpi), Aldo e Carpi
* Ilenia Maschietto (Fondazione G.Cini Venezia), Aldine nella collezione di Vittorio Cini e nella biblioteca della Fondazione G. Cini.

Sabato 18 aprile 2015
* Laura LALLI (Biblioteca Apostolica Vaticana), Aldo Manuzio, il giovane: testimonianze custodite in Biblioteca Vaticana
* Graziano Ruffini (Università degli Studi di Firenze), Origini del collezionismo aldino
* Piero SCAPECCHI (Incunabolista), Biografia di Aldo Manuzio
* Federica BENEDETTI (Independent Scholar), Le aldine della biblioteca di San Francesco della Vigna.

h. 18.00
Visita alla biblioteca a cura di Rino Sgarbossa o.f.m
h 19.20
Visita artistica alla Chiesa.

Domenica 19 aprile 2015
* Massimo GATTA (Università del Molise), La ricezione di Aldo in età moderna
* Alessandra Panzanelli (Postdoctoral Researcher University of Oxford), I possessori degli incunaboli aldini conservati alla British Library
* Fabio Massimo Bertolo (Minerva Auctions, Roma), Attualità di Aldo: tra ricerca e valore
* Dino CASAGRANDE (Independent scholar), Le legature originali e altre particolarità delle edizioni aldine.

Lunedì 20 aprile 2015
h. 10.00
* Visita alla biblioteca della Fondazione G. Cini (su prenotazione),

Per qualsiasi informazione e se desiderate iscrivervi ai corsi potete rivolgervi alla dott.ssa Caterina Pasqualin mandando una mail a cattedre@novacharta.it oppure telefonando allo 041 5211204.

Per saperne di più